Tu sei qui

SBK, Yamaha 2, il ritorno (con duplice scippo)

E' ufficiale: sponsor Pata, team Crescent, Piloti Guintoli e Alex Lowes

La notizia è già nota da tempo, e nei dettagli, ma da oggi è ufficiale: Yamaha Motor Europe farà il suo ritorno ufficiale al Campionato Mondiale Superbike nel 2016 in collaborazione con il partner di grande esperienza Crescent Racing e titolo sponsor PATA. Il team affiderà la nuova YZF-R1 nelle mani del Campione del Mondo Superbike 2014 Sylvain Guintoli e del campione britannico Superbike 2013 Alex Lowes.

La squadra nasce da due 'scippi' importanti: lo sponsor infatti lascia la Honda per la Yamaha, mentre Crescent Racing abbandona la Suzuki.

Due coincidenze, come si dice, fanno un indizio e questo è che la casa di Iwata torna per vincere.

Il francese Guintoli ha oltre 15 anni di esperienza nelle corse, con 45 podi, 10 vittorie e, naturalmente, il titolo iridato  2014  al suo attivo. Sylvain ha corso in 250cc, MotoGP, mondiale Superbike BSB. Mentre il giovane pilota britannico Alex Lowes lungo la sua strada verso il suo titolo britannico Superbike 2013 ha centrato 20 podi, 8 vittorie e 6 pole position. Ha anche gareggiato con Crescent per le ultime due stagioni quindi non è estraneo alla squadra.

Il ritorno al mondiale Superbike dal 2011 mette in chiaro la strategia di Yamaha Motor Europe: sfruttare appieno la nuova YZF-R1 e lottare per la vittoria nel mondiale delle derivate di serie.

Nel 2009 Yamaha centrò il primo titolo mondiale Superbike, con il pilota americano Ben Spies. Piloti iconici come Noriyuki Haga, Troy Corser, James Toseland, Marco Melandri e Cal Crutchlow, tra gli altri, hanno vinto sulla YZF-R1.

La strategia della Yamaha è chiara: Crescent si occuperà della logistica e della gestione del team sui campi di gara, i piloti saranno responsabilità di Yamaha, così come dal Giappone arriveranno gli sviluppi.

La nuova Yamaha YZF-R1 è arrivato come un punto di svolta nel 2015, per riscrivere il libro delle regole per il mercato Supersport.

Mentre la stagione agonistica 2015 volge al termine la nuova R1 può già vantare numerose vittorie - tra cui la prima edizione del Road America AMA Championship e la leggendaria 8 Ore di  Suzuka nelle mani di  Pol Espargaro, Bradley Smith e del cinque voltecampione del' All Japan Superbike Katsuyuki Nakasuga. Nel Regno Unito la R1 è in lizza per il titolo britannico Superbike, mentre in Europa la storia continua con il titolo Superbike polacco e Superstock francese assicurato. La Yamaha attualmente è in testa anche al Repsol CEV FIM e lo scorso fine settimana ha centrato il secondo assoluto nel Campionato Mondiale FIM Endurance nelle mani della squadra francese GMT94.

"Questo è un momento molto emozionante per noi per tornare al massimo livello della Superbike dal prossimo anno dopo un'assenza di quattro anni", ha commentato Yamaha Motor Europe Chief Operating Officer, Eric De Seynes.

"Dopo aver riscritto il libro delle regole Supersport e ha cambiato la partita con la nuova YZF-R1, sviluppata direttamente dalla tecnologia Yamaha MotoGP, era chiaro che avremmo avuto bisogno di tornare al Campionato Mondiale Superbike per mostrare tutto il potenziale della nostra nuova Superbike . Abbiamo avuto bisogno fi un anno per far crescere l'esperienza con la nuova R1 in molti altri campionati in cui la moto ha dimostrato già il suo potenziale, con la sorprendente vittoria nella 8 Ore di Suzuka ed i risultati molto positivi che le nostre squadre ufficiali stanno raccogliendo in tutta Europa. Ora siamo pronti a tornare sulla scena mondiale e sono felice che abbiamo trovato in Crescent gli stessi valori di professionalità, ingegneria di dettaglio e la passione per la vittoria che condividiamo".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti