Tu sei qui

Moto2, Gara: Autogol Rins, Zarco ringrazia e vince

Secondo Rabat, terzo Nakagami che dedica il podio a Tomizawa

La campagna di conquista di Johann Zarco passa anche per la riviera romagnola.

Veni, vidi, vici si, ma con un pizzico di fortuna. Già perchè la prima posizione il transalpino, non l'ha nemmeno dovuta sudare. Dopo una prima fase in cui aveva provato a dettare il ritmo, il leader in campionato aveva ceduto il passo a Dominique Aegerter ed Alex Rins.

Zarco si era sistemato in terza piazza, non senza vender cara la pelle, con alcune sportellate all'ingresso del Curvone. Accostata la pratica-Zarco, tra lo svizzero e lo spagnolo è stata lotta vera, fino a quando, all'uscita del Curvone, Rins si è trovato accostato ad Aegerter. A quel punto ha provato l'ingresso.

L'anteriore però non ha retto e scivolando Rins ha travolto l'incolpevole svizzero. Che non fosse la giornata ideale del Rookie di Sito Pons, lo si è notato anche al suo rientro in pista quando ha prima involontariamente ostacolato Folger in piena lotta per il podio.

In seguito, per esser rimasto all'interno del gruppo di testa, gli è stata comminata una bandiera nera.

Zarco dunque si è trovato a passeggiare fino alla vittoria finale in solitaria. Dietro, lotta aperta per il secondo e terzo gradino del podio con Rabat che nei giri conclusivi è risucito a recuperare dopo un brutto avvio, arrivando a conquistare la seconda piazza, davanti a Takaaki Nakagami. Quarta posizione per Simone Corsi a precedere Julian Simon, Folger, Baldassarri ottimo settimo nonostante una spalla in disordine. Gli altri italiani: Pasini 16esimo, 21esimo Marini.

Zarco: "La gomma morbida è stata la nostra scelta, quindi ho douvto spingere all'inizio. Aegerter era molto forte in frenata. Rins anche era forte ma forse ha provato a superarlo troppo presto. Non ero veloce a sufficenza per stare con loro sinceramente, ma oggi è andata bene cosi"

Rabat: "Ad inizio gara il mio feeling era pari a zero. Pensavo di avere un problema all'anteriore. Poi ho iniziato ad andare sempre meglio, a sentire sempre meglio. Ho preso Corsi, poi Folger e alla fine sono riuscito a prendere la seconda piazza"

Nakagami: "tutto il fine settimana è stato buono. Il team ha fatto un bel lavoro, le gomme hanno lavorato bene. Ho scelto la morbida per il grip anche se calava nel finale. Dedico questo podio al team, a Shoya Tomizawa, e alla mia famiglia"


CRONACA DI GARA

Tutto è pronto per il via della gara di Misano classe Moto2

- partenza valida, ottimo spunto di Zarco, alla seconda curva sfilano tutti senza danni. Seconda piazza per Aegerter poi Rins e Nakagami. Arrivano alla Quercia con le posizioni immutate. Molto bene Simone Corsi che si affaccia in sesta piazza davanti a Sam Lowes

- 25 giri al termine: Zarco continua a dettare il ritmo davanti ad Agerter che alla Quercia prova l'attacco infilandosi. I due incrociano la traiettoria e il francese torna in vetta. Terzo Rins come spettatore di questo duello. Poi Syahrin ma staccato di un secondo. La lotta tra i primi due fa riavvicinare il secondo gruppetto. Lotta dura tra Aegerter e Zarco con lo svizzero che si porta in testa

- 24 giri al termine: Syahrin ha fatto il giro più veloce della gara, riavvicinandosi ai primi tre. Caduta per Kallio alla Quercia. il finlandese chiude qui il suo week-end.

- 23 giri al termine: Tito Rabat fa il giro più veloce dlela corsa in 1'38.027, ma il campione del mondo in carica è ancora ottavo. Davanti Aegerter continua a tenere la testa, con Rins che si prende la seconda piazza nei confronti di Zarco. Tra i tre ci sono quattro decimi complessivamente.

- 22 giri al termine: Ora è il turno di Folger a fare il giro più veloce, ma davanti attenzione a Rins che sta recuperando su Aegerter. Tra i due 77 millesimi

- 21 giri al termine: clamoroso! I primi due piloti in gara sono out. Rins esce più forte di Aegerter prima del Carro affiancando lo svizzero. Aegerter però chiude bene la traiettoria. A quel punto Rins prova a frenare e chiudere la curva intraversando, ma la moto non tiene, cade e travolge lo svizzero incolpevole. Ne approfitta Zarco che si prende questo regalo: prima posizione.

- 19 giri al termine: Marquez cade al Curvone. Pilota ok ma gara finita per lui. A questo punto la classifica vede Zarco Syahrin e Corsi ai primi tre posti. Da senalare anche l'ottava piazza di Lorenzo Baldassarri con una spalla fuori posto

- 18 giri al termine: Simone Corsi si prende la seconda posizione ai danni di Syahrin. Ques'tulimo sta costantemente perdendo terreno, sopravanzato anche da Folger

- 17 giri al termine: Dominique Aegerter rientra in pista e riprende la gara, ovviamente distanziato di due giri. Allo stesso modo anche Rins precedentemente era rientrato subito in pista. Lo svizzero però è stato costretto a rientrare per cambiare un semimanubrio

- 16 giri al termine: A seguito dell'incidente - che verrà investigato a fine gara - Rabat, attualmente settimo, riuscirebbe a risalire in classifica generale al secondo posto.

- 15 giri al termine: Zarco è imprendibile. Gira tre decimi più forte di Simone Corsi, con Folger che si fa minaccioso a tre decimi dal romano.

Al curvone il tedesco si affaccia e si mostra a Corsi che resiste

- 14 giri al termine: Zarco continua a tenere un passo di tre decimi più veloce rispetto ai suoi inseguitore con Corsi e Folger che girano praticamente sugli stessi tempi.

- 13 giri al termine. Il ritorno in pista di Aegerter dura poco: lo scarico penzolante ne decretano un rientro ulteriore ai box. Al contempo Corsi viene passato alla staccata del Carro da Aegerter. Il romano deve preoccuparsi anche di Takaaki Nakagami, staccato di 9 decimi. Rins sta per essere doppiato, e procede lentamente.

- 12 giri la termine: Sistemato lo scarico, Aegerter torna di nuovo in pista. Rabat prende la quinta piazza su Simon alla prima staccata nel cambio di direzione.

- 11 giri al termine: Corsi non si da per vinto, e cerca di riprende Folger rosicchiando un decimo al tedesco. Attenzione però a Takaaki Nakagami

- 10 giri al termine: Detto fatto, Corsi si riprende la seconda posizione ma la sensazione è che la battaglia non sia ancora finita.

- 09 giri al termine: La classifica vede Zarco solitario in testa con tre secondi di vantaggio su Corsi. Dietro è lotta aperta con Nakagami che supera Folger, ora in crisi rispetto ai diretti avversari. Attenzione anche a Rabat che sta arrivando. Esplode il parafanghi di Sam Lowes: l'inglese si deve ritirare con la gomma inchiodata

- 07 giri al termine: La lotta per il podio è decisamente aperta. Dietro Zarco, saldamente primo, Corsi ha due decimi di vantaggio su Nakagami, e uno ulteriore su Rabat. Alla Quercia Nakagami si infila su Corsi, con Rabat pressante. Fogler si lamenta con Rins, ritrovatosi in mezzo alla lotta. Caduta per Caricasulo nel frattempo. Rider ok ma gara finita per lui

- 06 giri al termine: Al tramonto, rabat passa Corsi e gli fa cenno di tenersi in coda - senza ostacolarsi - per provare a riprendere Nakagami

- 05 giri al termine: in mezzo a tutto questo bailamme Zarco continua il suo dominio con 4.3 secondi di vantaggio su Nakagami. Rabat sempre terzo, Corsi non sembra riuscire a tenere il passo, anzi viene superato da Rins doppiato.

- 04 giri al termine: Rabat sta riprendendo Nakagami. Lo spangolo potrebbe prendersi la seconda piazza

- 03 giri al termine: Rabat prova il sorpasso alla prima staccata, ma è costretto a frenare. Un secondo tentativo riesce all'sucita del Rio. I due arrivano alla Quercia con Nakagami lungo. Rins nel frattempo viene squalificato: black flag. Non faceva passare gli altri piloti in qualità di doppiato, ma continuava a correre come se fosse a pieni giri.

- 02 giri al termine: Rabat è oramai secondo con margine: 8 decimi su Nakagami. Corsi invece è quarto staccato.

- Bandiera a scacchi: Johann Zarco vince il gran premio di Misano Adriatico davanti a Tito Rabat e Takaaki Nakagami

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti