Tu sei qui

Moto2, FP2: Tito Rabat sotto il record della pista

Lorenzo Baldassarri chiude in terza posizione a un decimo dalla vetta

Prima posizione e record della pista. Tito Rabat mette tutti in riga nel venerdi di Misano Adriatico con il crono di 1'37.457, due decimi meglio rispetto quanto stabilì due anni fa Pol Espargaro.

In realtà, ad abbattere il record sono stati in quattro, a testimonianza del buon incremento prestazionale dell'asfalto del circuito, nonostante le temperature comunque calde. Una sessione che ha portato ad un numero elevato di cadute, tutte avvenute alla curva del Tramonto.

Zarco, Caricasulo, Pasini, Alt, sono alcuni dei protagonisti scivolati tutti alla stessa maniera: anteriore che chiude e via per la tangente.

Dicevamo dunque di Rabat primo, davanti a Dominique Aegerter secondo a 158 millesimi, ed a Lorenzo Baldassarri che chiude il venerdi in terza piazza a un millesimo dallo svizzero e 159 da Rabat. Un'iniezione di fiducia per il portacolori Forward vincitore anche della Spurtleda del mercoledi sera.

Trittico di Kalex ed una Speed Up in grado di abbattere il record. Si tratta dell'esemplare di Sam Lowes che chiude la sessione in 1'37.630, a precedere Alex Rins (+0.304), Simone Corsi - primo in mattinata ed ora sesto a tre decimi dalla vetta - e Johann Zarco.

Come citato precedentemente, il leader in campionato ha chiso la sessione con una caduta senza tante conseguenze, che non gli ha permesso però di migliorarsi. Takaaki Nakagami si prende la nona posizione a mezzo secondo dalla vetta, davanti a Thomas Luthi (+0.604) e Hafizh Syahrin, che accusa un ritardo di 767 millesimi. Ai margini della top ten, in undicesima piazza, ecco Alex Marquez davanti a Julian Simon e Randy Krummenacher.

Molto più attardati Mika Kallio (22esimo a +1.459), Mattia Pasini (23esimo a +1.576) anche se, nella classifica combinata, l'italiano si trova in 21esima piazza davanti proprio al finlandese, entrambi comunque incapaci di migliorarsi. 27esimo e 28esimo Federico Caricasulo - sostituto di Franco Morbidelli - e Luca Marini nelle vesti di Wild Card qui a Misano.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti