Tu sei qui

KTM svela la Duke 690: il debutto a Eicma

Più cavalli e più coppia per la media austriaca. A calare sono solo le vibrazioni

KTM svela la Duke 690: il debutto a Eicma

Estate agli sgoccioli in questo 2015. Per il motocilismo ciò significa una cosa sola: l'avvicinamento alla vetrina del Salone Eicma dove tutte le case presentano le novità in chiave 2016.

L'ultima stagione ci ha riservato tantissime novità, sopratutto in ambito sportivo. Già, ma quest'anno? Senza il salone di Colonia, l'attenzione sarà calamitata tutta su Milano, che vedrà gli occhi puntati dal 17 al 22 Novembre.

Per cercare di 'preparare il terreno', molte case iniziano a mostrare immagini ufficiali e comunicati su quelli che saranno i nuovi prodotti, prima fra tutte KTM che ha svelato uno dei suoi assi nella manica, la nuova Duke 690.

Pochi stravolgimenti estetici, ma tanta nuova sostanza per questa media aggressiva e pepata. Gli esteti potranno notare il telaio verniciato in nero, cosi come la nuova sella per pilota e passeggero, modificate per poter offrire più comfort durante la guida. Il cuore però è quello che ha subito più interventi.

Il monocilindrico LC4 da 690 cc è stato infatti oggetto di profonda rivisitazione da parte degli uomini Orange. Testa completamente rivista e più compatta. Aumento dell'alesaggio, aggiunta di un secondo contralbero di bilanciamento per la riduzione delle vibrazioni. Infine valvole di diametro maggiore. Ciò comporta un aumento della potenza stimato del 7%, e della coppia del 6% con un regime di rotazione che alza la propria asticella di 1000 giri ma, al contempo, con un'erogazione più fluida ai bassi e medi. Numeri, per una moto che ha sempre stuzzicato l'animo giocoso di chi vive le due ruote.

Anche a livello ciclistico a Mattighofen sono intervenuti: nove le piastre della forcella, con un offset aggiornata. Inoltre, si è voluto rinnovare anche lo scarico, questo anche per l'omologazione Euro 4. E se di novità dobbiam parlare, non possiamo fare a meno di sottolineare la strumentazione digitale con display TFT in grado di variare la luminosità in base alle condizioni esterne.

Tre i riding mode a disposizione - Sport, street e Rain - con il classico selezionatore posto sul manubrio che abbiamo già visto in altri modelli della casa austriaca. Controllo di trazione e ABS - di casa Bosh con il 9M+ a due canali disinseribile - sono forniti di serie. A livello opzionale invece, KTM offre il Motor Slip Regulation MSR che, come suggerisce la sigla stessa, regola la gestione del freno motore in scalata.

La Duke 690 verrà svelata ufficialmente al prossimo salone Eicma di Milano e vedrà anche una versione R più cattiva ed evoluta. Prezzo? Molto probabilmente rimarrà invariato intorno agli 8300 euro.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti