Tu sei qui

MotoGP, Silverstone, WUP: Rossi svetta sul bagnato

Il Dottore precede Petrucci e Marquez. Lorenzo ad un secondo (5º) precede Dovizioso

Dopo due giorni di sereno, un cielo grigio ha scaricato una lieve pioggia sul circuito di Silverstone, azzerando i valori in campo per il warm up della MotoGP. Ad approfittarne maggiormente è stato Valentino Rossi, quarto in griglia ma sugli scudi sul bagnato con un tempo di 2’18.660. Un buon viatico in vista della gara, dal momento che Marquez e Lorenzo avevano mostrato un vantaggio sul passo in condizioni di asciutto, anche se le previsioni meteo per la partenza (ore 14 italiane) restano incerte.

Solo Petrucci (+0.609), Marquez (+0.701) e Crutchlow (+0.819) sono riusciti a contenere il distacco entro il secondo, mentre Lorenzo è leggermente più attardato (+1.128) in quinta posizione davanti a Dovizioso, Smith, Hernandez, Iannone e Pol Espargaró, che chiude la top ten. In difficoltà Pedrosa, terzo in griglia ma staccato di 2.285 secondi in undicesima posizione davanti ad Aleix Espargaró e Bradl.

LA CRONACA – Tutti i piloti saggiano con cautela le condizioni dell’asfalto per poi rientrare immediatamente e fare le consuete prove di cambio moto. Petrucci sigla un 2’24.524 portandosi provvisoriamente al comando davanti a Rossi e Bradl. Al secondo passaggio, Pol Espargaró scende a 2’22.277, mentre Marquez e Lorenzo sembrano adottare un approccio più cauto, stazionando rispettivamente in sesta e settima posizione davanti a Iannone. Stesso discorso per Dovizioso, tredicesimo.

A tre minuti dal termine, Crutchlow lima due secondi e si porta in testa con un 2’20.188, due decimi più rapido di Marquez. Rossi e Lorenzo sono a circa mezzo secondo, in terza e quarta posizione rispettivamente. Il poleman su Honda non si accontenta ed è il primo ad abbattere il muro di 2’20 con un 2’19.714, tempo che scende a 2’19.361 sotto la bandiera a scacchi, ma è Rossi ad aggiudicarsi la sessione con un 2’18.660. Alle spalle del Dottore, anche Petrucci (+0.609) supera Marquez (+0.701) imponendosi come primo pilota Ducati sulla "vecchia" GP14, con la quale ha ottenuto però il 18º posto in qualifica. Crutchlow (+0.819) è l'ultimo pilota sotto il secondo di ritardo, davanti a Lorenzo e Dovizioso.

Una curiosità: i piloti del team Tech3 hanno deciso di incollare due adesivi speciali sui rispettivi cupolini. Pol Espargaró ha un nastro di lutto in onore di Garriga e Haehler, mentre quello di Smith ricorda Justin Wilson, il pilota di Indy recentemente scomparso.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti