Tu sei qui

SBK, BMW e MV Agusta, cercasi seconde punte

La Casa bavarese punta su Reiterberger. A Schiranna si guarda alla Moto2, contatti con Sam Lowes

Il mercato Superbike per il 2016 è in gran fermento, ma ai “rumors” non hanno ancora fatto seguito le firme sui contratti. Questo perché molte squadre e costruttori sono ancora alla ricerca dei famigerati “lilleri" senza i quali non si “lallera”. In tempi di crisi, la tendenza generale è quella di ridurre i budget, ma fortunatamente ci sono eccezioni. BMW ed MV Agusta, infatti, sono pronte a raddoppiare il proprio impegno, passando da una moto in griglia a due.

La Casa tedesca punta molto sul Markus Reiterberger (nella foto), che ha già centrato il titolo nel campionato IDM. Il tedesco ha 22 anni, è bavarese, e piace anche a Dorna in vista di un ritorno del campionato in Germania (al Sachsenring). Per lui, è già pronta una S1000-RR, ma il Costruttore – viste le prestazioni incoraggianti nonostante una stagione interlocutoria ed un cambio piloti in corso d’opera – pensa di schierarne due, sempre appoggiandosi alla struttura di BMW Motorrad Italia.

Discorso simile per MV Agusta, che vuole raddoppiare i piloti nel team interno, dove attualmente milita soltanto Leon Camier. Il britannico gode di un contratto biennale e grande stima da parte della squadra, grazie anche al prezioso lavoro svolto pazientemente da collaudatore. A questo proposito, la squadra ha confermato che una nuova supersportiva uscirà a fine 2016, ma una versione completamente rivista della attuale vedrà la luce a fine anno. Un motore più leggero, una ciclistica aggiornata, ed un nuovo software per quanto riguarda l’elettronica potrebbero fare della “vecchia” F4 una scommessa appetibile in vista dell’arrivo della sua erede. In molti hanno bussato alle porte di Schiranna, tra i quali figura Sam Lowes, altro giovane (25 anni a settembre) scartato all’ultimo minuto da Aprilia per la MotoGP e definito "molto interessante" dal responsabile tecnico Brian Gillen. Per il britannico (che ogni caso vuole lasciare la Moto2), salire su una Honda di Aspar resta la priorità, ma affiancare il gemello Alex tra le derivate di serie rappresenterebbe comunque una sfida stimolante.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti