Tu sei qui

Moto3, Niccolò Antonelli conquista la Pole a Brno

QP - Seconda posizione per Danny Kent. Cinque Honda ai primi cinque posti

Due millesimi. Il tempo di un battito di ciglia, un istante praticamente impercettibile. Due millesimi che hanno consentito a Niccolò Antonelli di centrare la seconda pole position in carriera, dopo quella di Valencia dello scorso anno.

Era scuro in volto l'italiano ad inizio turno. Non riusciva a trovare il bandolo della matassa sia in inserimento che in percorrenza. Inizialmente non cercava nemmeno le scie per trovare il tempo. Che già in Moto3 è pratica diffusa.

A Brno poi, con quei lunghi rettilinei, sono un qualcosa di vitale se si cerca la Pole. 2'07.667 il riferimento del portacolori del team Ongetta. "E' stata difficile per il gioco delle scie. Non ero contento perchè stamattina ero caduto e non sapevo perchè. Sono contento dai, perchè ho girato sul record della pista.

Per domani? Lavoreremo tanto. Quest'anno non so perchè, ma la pista è cambiata tanto. Basta prendere una buca nel posto sbagliato e vai in terra. Bisogna fare un anteriore che copi bene le buche".

Antonelli precede - proprio di quei famosi 2 millimetri - Danny Kent, al centro dei rumors per un ipotetico passaggio in GP con il team Pramac. Terza e quarta posizione per il duo di 'ragazzini terribili' Jorge NAvarro e Fabio Quartararo del team Monlau.

Lo spagnolo accusa un ritardo di soli 33 millesimi, mentre il francese 148. Accanto a Quartararo, in seconda fila, ecco Alexis Masbou in quinta posizione. E' un dominio Honda questo, con un vero e proprio full di moto dell'Ala. Già perchè la prima KTM si tova in sesta piaza, con l'esemplare di Brad Binder, staccato di 448 millesimi, e davanti alla moto gemella di Karel Hanika. Ottava piazza per Efren Vazquez con un ritardo di 616 millesimi di secondo.

Chiude la terza fila Jorge Martin con la migliore delle Mahindra a 665 millesimi dalla vetta. Dodicesimo crono per Miguel Oliveira con la KTM (+0.828), 15esimo per Enea Bastianini (+0.931), 19esimo Romano Fenati (+1.053), 22esimo Andrea Locatelli (+1.234), 23esimo Lorenzo Dalla Porta (+1.283), 26esimo Andrea Migno (+1.610), 27esimo Francesco Bagnaia (+1.766), 30esimo Alessandro Tonucci (+1.916), 31esimo Stefano Manzi (+1.986), 35esimo Matteo Ferrari (+3.028).

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti