Tu sei qui

MotoGP, Rossi: podio? difficile, non impossibile

"Il problema più grande è Pedrosa, devo riuscire a migliorare nel secondo settore della pista"

L’ottava casella non è il miglior posto da cui iniziare una gara e Valentino Rossi lo sa bene. Tutto sommato, però, il sabato di Indianapolis gli ha anche riservato qualche soddisfazione dopo il passo falso di ieri. Ora può guardare al podio per la gara anche se salirci sopra non sarà scontato con le Honda velocissime e Lorenzo in gran forma.

Come giudichi questa giornata?

E’ andata meglio rispetto a ieri, siamo riusciti a migliorare il bilanciamento della moto e tutto sommato il mio passo non è male. Nelle FP4 sono stato quarto e non troppo lontano dai primi”.

Abbastanza per lottare con loro?

Per il podio sarà dura, oltre a Jorge e Marc c’è anche Dani che è più veloce di me”.

E partono tutti dalla prima fila…

E io dalla terza, in qualifica non sono stato abbastanza bravo. O meglio, lo sono stato con la prima gomma ma con l’ultima sono entrato in pista troppo presto, mi sono trovato in mezzo al traffico e non sono riuscito a migliorare il mio tempo. Scattare indietro rende tutto più complicato perché ci sono molti piloti che possono essere veloci nei primi giri”.

Cosa si può fare?

Lavorare, quello che decideremo stasera sarà molto importante. Al momento perdo troppo nel secondo settore della pista, mentre non vado male degli altri. Bisogna essere più veloci in quel punto”.

Ti aspettavi di trovare così tante difficoltà qui?

“Indianapolis è sempre stata una pista difficile, ma l’anno scorso non ero andato male, ero salito sul podio. Al momento, credo che la gara di domani sia più difficile di quella del 2014”.

Perché avete sbagliato assetto della moto ieri?

Nelle ultime gare ero andato bene con quel setup e pensavamo funzionasse anche qui. Però al momento è ancora tutto aperto, come ho detto perdo tanto nel T2 ma non c’è nessun motivo perché non riesca a migliorare.

Chi ti preoccupa di più al momento?

Le Honda, Marquez è molto veloce ma il problema più grande per il podio è Dani. Se devo fare un analisi, Marc è il più veloce come ritmo, poi ci sono Jorge e Dani. Non sono troppo lontani, devo solo fare un passo in avanti.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti