Tu sei qui

Moto2, Corsi e Baldassarri bloccati da Forward

Per Simone ipotesi Italtras, interesse da più parti per Lorenzo ma devono liberarsi dai contratti

La vicenda giudiziaria che coinvolge Giovanni Cuzari sta avendo ripercussioni pesanti sul team Forward, che non sarà presente al Gran Premio di Indianapolis e il cui futuro è quanto mai incerto. Con metà stagione ancora da disputare i piloti si stanno guardando intorno per trovare un’altra sistemazione e non essere costretti a chiudere il campionato in anticipo.

Di Stefan Bradl abbiamo parlato diffusamente in questi giorni (QUI le ultime notizie), ma anche i due italiani schierati nella squadra Moto2, Simone Corsi e Lorenzo Baldassarri, stanno cercando una soluzione ai loro problemi. Non potrebbe essere così semplice, perché prima di trovare una eventuale nuova sistemazione devono liberarsi dal contratto che li lega ancora al team Forward e prima di quel momento sono costretti a restare in panchina.

Corsi in questi giorni è in contatto con il team Italtrans, per cui corrono Franco Morbidelli e Mika Kallio. Esiste infatti la possibilità che la squadra italiana possa schierare una terza moto per il romano per la parte finale della stagione. “Stiamo valutando questa possibilità, ma al momento non c’è nulla di fatto - la conferma di Luigi Pansera, team manager di Italtrans - Dobbiamo analizzare se ci siano le condizioni e i presupposti per riuscirci senza creare tensioni”.

Certamente è escluso che Simone possa trasferirsi già dal GP di Indianapolis, nel migliore dei casi potrebbe farlo a Brno. Per il momento, però, si tratta solo di un’ipotesi perché Corsi è ancora un pilota di Forward e finché non riuscirà a risolvere il contratto avrà le mani legate. Il team Italtrans ha la struttura per seguire tre piloti ma deve attendere delle risposte dal pilota romano prima di organizzare il futuro prossimo.

Situazione simile anche per Lorenzo Baldassarri, pilota gestito dalla VR46 di Valentino Rossi. Il 18enne marchigiano, che è alla sua seconda stagione in Moto2, è legato al team Forward anche per il 2016, dopo che la squadra aveva fatto valere negli scorsi mesi l’opzione di rinnovo.

Innanzitutto siamo molto dispiaciuti per la situazione in cui si trovano i piloti e tutte le persone che lavorano nella squadra - ci dice Alberto Tebaldi, manager della VR46 - Per quanto riguarda Lorenzo, stiamo valutando quale sia la strada migliore da prendere, un pilota non può semplicemente licenziarsi e quindi bisogna capire come procedere in vista di questo e del prossimo anno. Baldassarri ha già attirato l’attenzione di molte squadre e le proposte non mancano, ma per adesso stiamo in attesa”.

Questo significa che a Indianapolis Franco Morbidelli sarà l’unico italiano schierato in Moto2, con la speranza che la sua solitudine duri poco.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti