Tu sei qui

SBK, Malesia: Biaggi torna sul luogo del…diletto

Il Corsaro non corre a Sepang dal 2005, ma in Malesia ha raccolto 5 vittorie e 8 podi in totale

Questo fine settimana, Max Biaggi tornerà in pista a Sepang in veste di wild-card con l’Aprilia SBK. Una sfida che va ad completare il “rodaggio” effettuato in quel di Misano, dove il romano ha dimostrato di non aver affatto perso lo smalto, chiudendo con due sesti posti e mancando il podio per soli tre secondi e mezzo in Gara Due.

Oltre che con l'anagrafe, però, in Malesia Biaggi dovrà anche fare i conti col meteo. Se a Misano le condizioni erano tutto sommato affrontabili (23 gradi nell’aria e 44 sull’asfalto il massimo raggiunto in gara), in Malesia il Corsaro troverà con ogni probabilità il più gravoso dei climi equatoriali, contraddistinto da una fortissima umidità, aumentata anche dalle frequenti quanto improvvise precipitazioni.

“A Max piacciono le sfide estreme”, aveva commentato a questo proposito Romano Albesiano a Laguna Seca. Vero, come testimonia l’invidiabile forma fisica e cardiovascolare dell’arzillo 44enne, ma c’è dell’altro. Biaggi è notoriamente meticoloso, ed ha scelto la pista alle porte di Kuala Lumpur per diverse ragioni. Innanzitutto, il layout gli consentirà di trarre il massimo vantaggio dalla rapportatura scelta ad hoc per Misano (i piloti, per regolamento, hanno un solo set di rapporti a disposizione per tutta la stagione e posso cambiare solo corona e pignone in gara). Inoltre, il tracciato – viste le numerose ripartenze e le alte temperature – sulla carta favorisce la RSV4, che lo scorso anno ha dominato la scena con due doppiette siglate dall’allora coppia ufficiale Melandri-Guintoli. Certo, la versione 2015 della V4 di Noale è leggermente diversa, come lo stesso Biaggi ha sottolineato più volte a Misano, lamentando una minore maneggevolezza a causa dell’abbassamento del baricentro, ma tant’è.

Non solo, ma in Malesia Biaggi si è tolto molte soddisfazioni, con cinque successi (ha vinto di più soltanto in Repubblica Ceca) e otto podi in totale. In particolare, il Corsaro ha colto quattro vittorie di fila a Shah Alam in 250 a partire dal 1994. In particolare, nel 1996 e 1997 fece letteralmente il vuoto, staccando rispettivamente Harada-D’Antin e Harada-Jacque di 14 e 33 secondi al traguardo. In classe regina, Biaggi ha vinto a Sepang nel 2002 con Yamaha, mentre fu secondo nel 2004 e terzo 2003 con Honda. In 500cc, poi, chiuse al terzo posto nel suo anno d'esordio, ma sul tracciato di Johor. In altre parole, la Malesia è sempre stata terreno di caccia del Corsaro.

Biaggi non corre a Sepang dal 2005 e, come ha potuto constatare negli sfortunati test (con un solo giorno utile su quattro in programma), la pista non è più la stessa. Se c’è chi ha dimostrato che il tempo si può – se non fermare – rallentare decisamente, risponde al nome di Max.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti