Tu sei qui

SBK, Davies pigliatutto: ho fatto pace con Laguna

"Riscattato il weekend nero del 2014". Sorte opposta per Giugliano: "Ho avuto paura"

Al sabato la pole position, alla domenica due vittorie. Ducati e Chaz Davies sono la coppia regina del weekend della SBK a Laguna Seca – una doppietta mancava al gallese dal 2013 (ad Aragon) e alla bi-cilindrica dal 2012 (Checa ad Imola) – e tiene aperto un campionato che, alla vigilia, pareva ormai a senso unico (era dal terzo round ad oggi, solo piloti Kawasaki sul gradino più alto del podio).

“Il risultato di oggi quasi mi ripaga della delusione patita qui lo scorso anno (caduta in Gara Uno e stop forzato nella seconda manche) – ha detto l’eroe di giornata, Chaz Davies – Rispetto alla mia prima doppietta, questa è stata più pulita. Non ci sono stati ritiri ad influenzare il risultato. Diciamo che sono due risultati egualmente belli, ma per motivi diversi”.

La chiave di volta, in entrambe le gare, sono stati i primi giri. In entrambi i casi, Davies è riuscito a forzare più delle Kawasaki ufficiali, che hanno livellato il ritmo con quello del gallese quando era ormai troppo tardi.

“Su questa pista è difficile passare, con qualcuno davanti ti senti sempre rallentato in qualche modo, ed avere pista libera davanti a me mi ha consentito di creare un gap nelle fasi iniziali e fare il mio ritmo indisturbato – ha osservato Davies – Ho preso i giusti rischi, ed è lì che ho costruito la vittoria. Anche perché, con la Ducati, devi fare linee leggermente diverse dalle quattro cilindri, più tonde, per entrare in curva il più veloce possibile”.

Domenica da dimenticare, invece, per Davide Giugliano. Il romano prima ha pagato dazio dopo una brutta partenza in Gara Uno, dove ha perso tempo nel tentativo (poi riuscito) di scavalcare Torres. Nella seconda manche, il romano è stato protagonista di una caduta ad alta velocità alla curva 6 che ha tenuto tutti con il fiato sospeso, memori del rischio corso nei test di Phillip Island. Fortunatamente, il bollettino medico parla di semplici contusioni al ginocchio e alla caviglia.

“Non era la mia giornata oggi – ha dichiarato uno sconsolato Giugliano – Onestamente mi sono spaventato molto, pensando di essermi fatto ancora male alla schiena, ma per fortuna i medici mi hanno assicurato che non ho niente. Mi dispiace molto perché oggi avevamo delle buone possibilità…”

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti