Tu sei qui

SBK, Hayden bussa alla porta di Aprilia

L'americano avvistato a Laguna Seca: "Contratto in scadenza, la SBK è un'opzione"

Nicky Hayden, nel suo cammino verso il motomondiale, si è fatto le ossa nella Superbike – americana – e, a 34 anni, potrebbe tornare proprio tra le derivate di serie.

Da anni la MotoGP è avara di soddisfazioni per “Kentucky Kid”, avvistato ieri nel paddock di Laguna Seca. Non si tratta (soltanto) di una visita di cortesia, anche se il fratello, Roger, gareggia nel campionato MotoAmerica gestito da Wayne Rainey.

“Il mio contratto è in scadenza, e mi sto guardando intorno – ha ammesso l’americano – La Superbike è una possibilità. Guardo quando posso le gare su Eurosport, non tutte, non ogni singolo giro, ma da quanto ho visto Rea ha ucciso il campionato”.

Un'apertura senza precedenti da parte di Hayden, che ha preferito non entrare nello specifico per quanto riguarda la moto sulla quale ha messo gli occhi, ma proviamo a procedere per esclusione: Kawasaki continuerà con la formazione attuale, Ducati ha già dichiarato di preferire piloti più giovani, e Yamaha sembra orientata verso altri nomi, fra i quali la giovane speranza americana Beaubier.

Tra le moto in grado di offrire garanzie di successo all’ex-iridato, non resta che l’Aprilia. E, guarda caso, è stato intercettato proprio all’uscita dei box di Noale, a colloquio con il team manager Dario Raimondi. Ricordiamo anche che, già qualche anno fa, Hayden fu contattato dalla Casa veneta per correre con la ART, e le trattative furono così avanzate da convincere Nicky ad una visita a Noale. I rapporti poi sono rimasti ottimi rapporti. Piccole coincidenze che, se sommate, costituiscono un indizio.

A questo proposito, una comunione di intenti tra Aprilia e Hayden potrebbe aumentare il peso politico della Casa (che minaccia di lasciare il mondiale SBK) al tavolo dei costruttori. Basti pensare all’importanza che ha per Dorna la presenza di piloti americani in griglia...

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti