Tu sei qui

MotoGP, Gomme Michelin: si deve cambiare stile

Conclusi a Misano i test della HRC con le coperture di Clermont, meno 'sincere' all'anteriore

Si sono conclusi a Misano anche i test della Honda. I due piloti ufficiali, Marc Marquez e Dani Pedrosa, con l'aggiunta anche del collaudatore Hiroshi Aoyama, hanno portato avanti lo sviluppo delle Michelin.

Come sempre quando si parla delle coperture che verranno usate in MotoGP il prossimo anno non si parla di tempi ed i piloti non rilasciano dichiarazioni ufficiali.

Qualcosa però siamo egualmente riusciti a sapere.

Come è noto gli pneumatici francesi sono alloggiati su cerchi da 17", cosa che comporta profili diversi e (teoricamente) meno gomma a terra.

Al Mugello una serie di cadute a raffica fece desistere i tecnici di Clermont Ferrand da chiedere ai team di effettuare dei long run. L'impressione, confermata anche dalle ultime prove, è che la Michelin stia cercando ancora un bilanciamento ottimale fra la copertura anteriore e quella posteriore. Sembra infatti che dietro ci sia fin troppo grip, con il risultato di 'spingere' sull'anteriore,

Storicamente però è vero che fin dall'arrivo della Bridgestone l'anteriore giapponese si dimostrò più 'rider friendly' di quella francese.

Tanto che nei box si va facendo largo l'opinione che saranno i piloti a doversi resettare per tirare fuori il meglio dalle Michelin. Del resto i tempi sul giro stanno lì, nonostante comprensibilmente, i piloti si tengano un po' di margine in tasca.

Comunque nessuno è finito in terra, mentre ieri qualche caduta c'è stata. Alla fine tutto è relativo.

Da oggi ufficialmente la MotoGP va in ferie e passa il testimone alla Superbike che proverà nella notte italiana a Laguna Seca.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti