Tu sei qui

MotoGP, Suzuki: i piloti chiedono CV e seamless

Espargarò: "spero il nuovo cambio arrivi presto, ma sono soddisfatto". Viñales: "lavoro sul chattering"

Suzuki: i piloti chiedono CV e seamless

La Suzuki a Misano non ha grosse novità da provare ma i due giorni sul circuito romagnolo saranno comunque utili per sistemare i problemi riscontrati a Sachsenring e prepararsi per il Gran Premio di settembre. Ancora di più perché essendo la GSX-RR una moto al debutto agli ingegneri servono dati che sono difficili da ricavare nei pochi turni di libere durante il weekend di gara.

Per quanto riguarda i tempi, Aleix Espargarò ha fatto staccare la migliore prestazione in 1’33”2, poco più veloce Maverick Viñales, accreditato di 1’33”17. Per entrambi è stata anche l’occasione per avere una prima impressione del circuito appena riasfaltato.

“Sono soddisfatto del lavoro fatto in questa giornata perché sono riuscito a fare molti giri anche se la pista era rovente, il nuovo asfalto è spettacolare - lo promuove Aleix EspargaròAbbiamo provato a modificare le geometrie della moto per acquistare fiducia all’anteriore, al Sachsenring questo punto è stato un completo disastro e le sensazioni sono leggermente migliorate.

Lo spagnolo fa un bilancio delle prime nuove gare.

“Prima di iniziare la stagione sarei stato soddisfatto per i risultati che abbiamo raggiunto, ma quando poi sei lì, vicino ai primi, vuoi sempre di più - ammette - Non sono contento per i pochi punti in classifica, ma le sensazioni sulla moto e il lavoro con la squadra sono migliori di quanto mi aspettassi.

Con nove GP ancora da disputare, ha le idee chiare di cosa abbia bisogno.

Dobbiamo continuare a migliorare, manca ancora potenza ma abbiamo ampi margini - dice - Spero che il cambio seamless arrivi presto, ma sicuramente non lo avrò a Indianapolis. La moto sembra molto competitiva in alcune piste e non in altre, senza riferimenti è difficile mettere a posto la moto durante le prove libere. Però riusciamo già a stare con le Yamaha satellite e a volte con le Ducati, va bene”.

Maverick ViñalesMaverick Viñales ha fatto un lavoro diverso rispetto a quello del compagno di squadra, ma anche lui al termine della prima giornata di prove lascia la pista soddisfatto.

Abbiamo fatto un grande lavoro cercando di migliorare la parte posteriore della moto, dove soffriamo di chattering - spiega - Ho girato con serbatoio pieno e gomme nuove per cercare di lavorare sul passo e siamo riusciti a fare un passo avanti. Per domani abbiamo qualche altra idea”.

D’accordo su tutta la linea con Aleix per quanto riguarda le richieste per il futuro.

Ora abbiamo bisogno di potenza e del seamless, stiamo lavorando sulla ciclistica ma quando arriveranno anche novità di motore potremo essere competitivi”, assicura.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti