Tu sei qui

MotoGP, Rossi: dovrò stare molto attento a Marquez

"Voglio riconfermarmi". Lorenzo: "stagione strana, forse sarà la volta buona per vincere al Sachsenring"

Sarà il Sachsenring il prossimo ring su cui si sfideranno Rossi e Lorenzo, divisi da soli 10 punti quando il campionato è vicino al giro di boa. Valentino ad Assen ha di nuovo allungato, vincendo il braccio di ferro con Marquez, Jorge ha fatto di necessità virtù, non perdendo troppi punti in un fine settimana difficile.

La pista tedesca, sulla carta, non è favorevole alla M1, ma la moto di Iwata ha trovato un equilibrio invidiabile in questa stagione e potrebbe farsi valere anche su curve che non ha mai digerito.

Rossi vuole ancora allungare, anche se sa che la questione con Marquez non si è chiusa nel sabato sera di Assen. Il piccolo diavolo medita vendetta e, senza più nulla da perdere, potrebbe essere l’ago della bilancia del campionato.

Sono pronto per il Sachsenring e affronterò questo fine settimana di gara con la mente sgombra. Avevo pianificato di recuperare parte dl vantaggio che avevo perso nei precedenti Gran Premi e comandare con 10 punti dopo 8 gare non è un brutto risultato, sono molto felice - dice il Dottore - In Germania sarà molto importante riconfermare la mia competitività. Ho capito che i rivali stanno lavorando sodo per tornare nelle prime posizioni e ad Assen sono riuscito a stare loro davanti. Marquez probabilmente sarà con noi nelle prossime gare e devo stare molto attento a lui. Al Sachsenring il mio primo obiettivo sarà lavorare come in Olanda, a partire dalle prove libere. Sono sicuro che Jorge tornerà ad essere forte e questo rende ancora più importante lavorare bene in questo fine settimana. Dopo il GP di Germania ci sarà una pausa e sarà fondamentale riposarsi un po’ prima della seconda parte della stagione”.

Per Lorenzo la tappa tedesca è stata sempre avara di soddisfazioni - non ha mai vinto - ma vuole invertire la tendenza.

Il teoria il Sachsenring per noi è una pista peggiore rispetto ad Assen - conferma - In passato non sono mai riuscito ad adattare perfettamente la Yamaha al tracciato, sarà una vera sfida. Non ho mai vinto in Germania, perciò ho una gran voglia di stare davanti almeno una volta. Non si può mai sapere, magari potrà accadere in questa stagione perché è tutto un po’ strano. Adoro Assen ma quest’anno qualcosa è cambiato e non ho trovato il perfetto setup per essere più competitivo. Durante la gara ho sofferto più di quanto mi aspettassi ma abbiamo capito come risolvere il problema in futuro. Il Sachsenring è una bella pista e in passato sono stato vicino a vincere un paio di volte ma non ci sono mai riuscito. Quest’anno la moto va forte e penso di potere raccogliere risultati migliori rispetto agli scorsi anni”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti