Tu sei qui

Polini Italian Cup bollente a Castelletto

Asfalto bollente e podio a Camorcia, Russo, Tiraferri, Penzo, Lumina, Bartolini

Polini Italian Cup bollente a Castelletto

Una caldissima giornata che ha sfiorato i 40° (49° l’asfalto) ha accolto al Kartodromo di Castelletto di Branduzzo (PV) il circus della Polini Italian Cup, che questa domenica ha visto disputare la quarta prova di campionato.

Una giornata di gare lunga, caratterizzata da una doppia interruzione a causa di incidenti che hanno visto la sospensione delle manche e la conseguente riduzione dei giri.

PIT BIKE XP 125 4T - Ancora una volta Gabriele Camorcia è stato autore di una doppietta che lo consacra sempre più leader di classe.

In Gara1 la sfida è stata con Niccolò Castellini, impegnato anche negli Scooter 70 Evolution Open. Dal terzo passaggio Camorcia e Castellini hanno aperto le danze ad una gara di sorpassi, con spettatori Tortosa, terzo, Alessandro Paccagnella, quarto, Mirko Leporati, quinto. Alla fine l’ha spuntata il leader di campionato per soli 549 millesimi di secondo.

Gara 2 è stata un copione della prima, con Camorcia subito al comando inseguito da Castellini e Tortosa. I tre si sono dati battaglia sino all’ultimo giro, con Camorcia che è riuscito a fare ancora sua la vittoria su Tortosa e Castellini.

Podio di giornata per Camorcia, Tortosa, Castellini.

SCOOTER 70 EVOLUTION AMATORI - Dieci i giri da percorrere con la pole position per Gabriele Beghelli, di pochi centesimi davanti a Rocco Russo e Davide Inversini. Russo, in testa dal primo giro sino quasi alla fine, si è visto soffiar via la vittoria da Beghelli, mentre la terza posizione è andata a Inversini. Bel duello per la quinta posizione tra Mihael Marco e Nicccolò Loia, che ha cercato in tutti i modi di passare lo sloveno, il quale alla fine ha concluso quarto davanti a Roberto Saccani e Niccolò Cionna.

In Gara 2 (ridotta a 8 giri) Russo ha messo in atto la propria rivincita, prendendo le redini della corsa sin dal primo giro e vincendo con un buon margine su Riccardo Frigè e Beghelli, che addirittura è scivolato alla penultima curva nel tentativo di superare il vincitore.

Sul podio di giornata: Russo, Beghelli, Saccani.

SCOOTER 70 EVOLUTION 70 OPEN - Pole per Matteo Tiraferri davanti ad Andrea Vignone e all’olandese Rarik Roufs. Solo nono tempo e terza fila per Filippo Corsi, leader della classe più prestigiosa di questo campionato italiano.

In Gara 1 Tiraferri ha preso sin da subito il comando davanti a Roufs, Vignone e Corsi, che al secondo giro è scivolato transitando così in decima posizione. La lotta per il primato è stata una questione tra Tiraferri, Roufs e Vignone, che si sono alternati al comando sino a quando ci ha messo lo zampino Nicolò Castellini. A pochi giri dal termine i due piloti del Team Polini Scooter hanno guadagnato una decina di metri, mettendo poi in atto un ultimo giro al cardiopalmo, con Tiraferri vincitore. Segiuono Vignone, Marco Moroni e Luca Zani. Settimo Corsi davanti a Roufs, che ha perso la possibilità di finire nei primi tre per un errore.

Peccato per la scivolata di Paolo Gabellini, partito con il terzo tempo, ma subito out.

In Gara 2 la sfida è stata ancora una volta tra Tiraferri e Castellini con continui sorpassi per la leadership. Ma, colpo di scena, poco prima dell’ultimo giro Castellini è scivola, mentre Corsi ha compiuto uno straordinario doppio sorpasso andando in seconda posizione. Volata finale con vittoria di Tiraferri che ha così centrato una bella doppietta davanti a Corsi, Roufs, Vignone e Gabellini.

Il podio di giornata vede la vittoria di Tiraferri davanti a Corsi e Vignone.

SCOOTER 70 EVOLUTION SUPERSPORT - Pole per Alessandro Schiappa davanti allo sloveno Luka Koren e Cristian Picciallo.

In Gara 1 subito il comando è andato a Schiappa, con Picciallo che ha cercato di attaccare la prima posizione. Nel corso del secondo passaggio Daniel Penzo è passato in prima posizione sorprendendo Schiappa e Picciallo: sul rettilineo prima dell’arrivo Penzo sembrava avere davvero una marcia in più sugli inseguitori transitando al termine del terzo giro con 657 millesimi su Schiappa e 878 millesimi su Picciallo. Schiappa però non si è fatto da parte e al quarto giro ha attaccato Penzo soffiandogli la prima posizione. Colpo di scena nel corso del quinto giro. con una caduta nell’ovale per Calce, Koren e Picciallo, che ha costretto l’esposizione della bandiera rossa. Gara sospesa con i tre piloti portati in ospedale per accertamenti. Il programma è ripreso un’ora più tardi al rientro delle due ambulanze per portare a termine sei giri, in quanto al momento dell’interruzione non era stato disputato il 50% della gara. Il secondo via vede Penzo e Tognarelli sfidarsi per la vittoria, con Tognarelli terzo e Pagliaccia quarto.

In Gara 2 si assiste ad una bella lotta per la vittoria tra tre Jog e due Zip: a vincere è Penzo su Tognarelli, Girardi, Ziarelli e Schiappa.

Sul podio di fine giornata: Penzo, Tognarelli e Girardi.

VESPA 135cc CLASSIC - Ancora una volta entrambe le manche di gara vedono la firma di Nazzereno Lumina, pilota ufficiale Polini.

In pole davanti allo svizzero Larcher Ahron e Ivan Camera, in Gara 1 è partito al comando seguito come un’ombra da Camera, Mauro Bigarella, Alberto Costa, Elia Cunti, Ahron e Piacentini. Lumina ha imposto il ritmo lanciandosi in una fuga solitaria in sella alla Vespa del Team Polini Scooter. Sua la vittoria davanti a Camera e Cunti. Peccato per Ahron, che a causa di un errore è passato dalla terza all’undicesima posizione.

Anche in Gara 2 Lumina ha imposto il passo, seguito da Larcher, Leaso, Piacentini e Cunti. Sul podio di giornata: Lumina, Camera e Cunti.

SCOOTER 100 BIG EVOLUTION OPEN - Pole per Simone Bartolini davanti ad Alex Rota e Julien Vitali. Seconda fila, invece, per Stefano Scribano, seguito da Andriano Sisti e Nico Morelli. Gara 1 vede la grande performance di Bartolini che, nonostante una brutta partenza, è riuscito a rimontare e lottare per la vittoria con Vitali. Solo l’arrivo in volata ha decretato il vincitore, con Vitali davanti a Bartolini, Rota, Morelli e Giannecchini, mentre Scribano ha taglia il traguardo in settima posizione.

In Gara 2, invece, Bartolini ha messo in atto una buona partenza, prendendo subito il comando inseguito da Rota, Giannecchini, Scribano e Morelli, questi ultimi quattro racchiusi nello spazio di neppure un secondo. Bartolini ha mantenuto saldamente la prima posizione davanti a Rota, mentre Scribano è riuscito a passare in terza posizione e Morelli in quarta dopo aver superato Giannecchini.

Sul podio a fine giornata: Bartolini, Rota e Scribano.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti