Tu sei qui

MotoGP, Warm Up: Marquez Top, Pedrosa Crash

Secondo posto per Valentino Rossi, mentre Jorge Lorenzo è quarto

E' nei dettagli che si possono carpire le forze in campo in un mondo come quello della Motogp, non solo dai tempi. Marc Marquez questa mattina si è svegliato con il piglio di chi sta mettendo tutto a punto per puntare senza alcun indugio alla vittoria.

Il campione del mondo ha tirato forte chiudendo in 1'33.747 la propria sessione al primo posto. Giri lanciati con anche qualche rischio di troppo, ma anche messa a punto del cambio di moto in caso di Flag to flag provato non una, ma due volte. Sembra aver girato tutto per il verso giusto al piccolo diavolo.

Dettagli dicevamo, che sottolineano come una giornata possa partire con il piede giusto...o sbagliato. Chiedere a Daniel Pedrosa. Lo spagnolo ha effettuato un cambio moto spegnendo il secondo esemplare in partenza, poi purtroppo è incappato in una caduta alla curva 9, dove ha ricevuto solo una botta al pollice e al medio della mano sinistra, fortuantamente senza fratture.

Dettagli, come visto nel caso di Valentino Rossi, che ha effettuato un giro iniziale di rodaggio per le gomme da bagnato, nel caso di wet-race. Il pole-man chiude in seconda posizione a 423 millesimi di secondo dal riferimento di Marquez.

Dettagli come nel caso di Jorge Lorenzo, ancora forse un pò troppo nervoso, sopratutto al termine della sessione, quando in una prova di cambio moto a sessione scaduta (a proposito: solo lui e Marquez cambiano saltando direttamente da un esemplare all'altro) si è trovato davanti un uomo Yamaha, reagendo con un poco di nervosismo. Subito dopo i due si sono chiariti, ma il fine settimana di Jorge non sembra essere dei più tranquilli, dopo anche la gestualità espressa a fine qualifiche.

Ora bisognerà vedere se il maiorchino riuscirà a canalizzare al meglio o meno questa tensione per la gara.

Torniamo però alla classifica: Cal Crutchlow è terzo a 475 millesimi dalla vetta, davanti proprio a Jorge Lorenzo (+0.563) ed i fratelli Espargaro con Aleix davanti a Pol. Bradley Smith è invece settimo (+0.694) davanti ad Andrea Dovizioso e Andrea Iannone (sette decimi il ritardo dei due, staccati di tre millesimi). Chiude la top ten Dani Pedrosam, passato però al centro medico.


Un rapido sguardo ai passi gara messi in mostra in questo warm up: Marc Marquez è in grado di girare con una certa continuità sul passo del '33 alto, con una forbice di due decimi tra l'1'33.9 e l'1'33.7. Valentino Rossi invece si attesta sul passo dell'1'34 basso ma, come espresso da Flamigni, non sappiamo l'utilizzo delle gomme da parte di Marquez (se aveva una gomma più o meno fresca). Certo è che, in caso di gomma usata da parte del "Cabroncito", il passo sarebbe l'ideale per una fuga. Anche perchè lo stesso Jorge Lorenzo sembrerebbe avere un passo estremamente simile a quello di Rossi. Non valutabile ovviamente quello di Pedrosa.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti