Tu sei qui

Husqvarna 401: piccole scrambler crescono

FOTO SPIA - Prima immagine dei test su strada delle due scrambler 401 Vitpilen e 401 Svartpilen

Husqvarna 401: piccole scrambler crescono

Presentate come concept lo scorso EICMA dallo stesso Stefan Pierer, CEO di KTM e proprietario di Husqvarna tramite la Pierer Industries, le 401 rappresentano un nuovo filone per il marchio che dopo le vicissitudini del recente passato punta a recuperare quote di mercato e non solo con i modelli da fuoristrada.

Le 401 rinverdiscono, se vogliamo, uno schema molto in voga in un passato dove troviamo Husqvarna muovere i suoi primi passi nel mondo fuoristrada. Due moto ispirate ai gloriosi Silverpilen e Svartkvarna dotati di compatto motore monocilindrico a 4T e che videro la luce negli anni '40. Le odierne Vitpilen e Svartpilen, reinterpretano in chiave moderna il design dell’epoca utilizzando le soluzioni più evolute, con una impostazione che strizza apertamente l'occhio al segmento delle scrambler.

Nello scatto si vede quella che probabilmente sarà la versione definitiva della Vitpilen401, la più stradale rispetto alla Svartpilen di impostazione fuoristradistica. Ciclistica e motore sono di derivazione KTM, con componenti mutuate dalla piccola Duke 390.

Per entrambe le 401 abbiamo il motore monocilindrico austriaco da 370cc 4T raffreddato a liquido, con cubatura probabilmente rivista a rialzo, ed accreditato di 46 Cv per un peso della moto dichiarato al momento della presentazione di soli 136Kg. Valori che, abbinate alla compattezza delle forme, dovrebbero essere garanzia di mezzi molto divertenti nella guida. Rispetto ai concept visti ad EICMA troviamo differenze nelle ruote, da raggi a strutture in lega e nel gruppo ottico, da elemento circolare si è passati alla più aggressiva lente della Duke, mentre le sovrastrutture vedono una carrozzeria che sembrerebbe rimasta monoscocca con parte posteriore però più tradizionale e di stampo vintage rispetto alla soluzione sempre in pezzo unico, ma con stop a led incorporato. Diverso rispetto alla cugina austriaca l'attacco delle pedane poggiapiedi con piastra ancorata al fulcro del forcellone e provvista di fori di regolazione.

Le nuove scrambaler "Husqy" 401, sembrano ormai avviate alla produzione e dovrebbero essere presentate nella versione definitiva ai prossimi saloni autunnali.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti