Tu sei qui

MotoGP, Rossi: ad Assen sono pronto a tutto

"Lorenzo è in forma... anche troppo. Domani userò il nuovo telaio che ho provato nei test di Aragon"

Lorenzo è in forma… un po’ troppo in forma”, Rossi scherza ma non troppo alla vigilia del GP di Assen. Il Mondiale è una lotta a due, fra compagni di squadra e Jorge è arrivato in Olanda con la spinta delle quattro vittorie consecutive. Valentino ha parato il colpo nelle ultime gare, ma ora deve passare all’attacco. La pista potrebbe essere quella giusta, “è bella e, anche se è più ‘normale’ rispetto al passato, rimane un tracciato molto veloce in cui non si tiene mai la moto dritta”, la descrive.

Valentino, come ti senti?

“Sono in un buon momento, come Jorge, ma so anche che per lottare con lui devo fare un passo avanti e nel fine settimana tutto dovrà essere perfetto”.

Soprattutto in qualifica…

Lorenzo è meglio di me in quel frangente. Ora la situazione è complicata, da una parte il nuovo formato non si adatta a me, perché ho sempre preferito arrivare al giro secco passo dopo passo mentre ora bisogna fermarsi. Dall’altra ora ci sono molte moto veloci e Ducati e Suzuki possono sfruttare la gomma morbida”.

L’obiettivo?

Non si può partire dalla terza fila, si perde troppo tempo in gara nei primi giri, come successo a Barcellona. E’ vero che la Yamaha non è la migliore moto sul giro secco, ma Lorenzo guida la mia stessa moto e riesce a essere più veloce di me.

Come si può migliorare?

Le qualifiche fanno storia a sé, il modo di guidare è diverso da quello di tutti gli altri turni dove ci si concentra sul passo. Non basta rischiare di più per essere più veloce. La cosa più importante è trovare il bilanciamento della moto già al primo giorno, fare il grosso del lavoro in modo da potersi concentrare solo sui dettagli nei turni successivi”.

Lorenzo ora è in ottima forma, tu sembri avere fatto un passo indietro. Perché?

“Dipende molto dai fine settimana. Nelle prime gare sono partito bene ma Jorge è stato anche sfortunato e ha avuto qualche problema. Poi ho fatto due brutti GP al Mugello e a Jerez, non avevo fiducia e non ho dato il massimo. Ogni cosa può cambiare a seconda delle piste e bisogna essere sempre pronti a tutto, qui ad Assen anche per quanto riguarda il meteo”.

Lorenzo l’anno scorso non fu incisivo sul bagnato, potrebbe ricapitare?

Non credo, in passato è stato veloce anche in quelle condizioni. Inoltre è in un momento di forma tale che non credo penserà all’incidente del 2013”.

Nei test di Aragon hai provato un nuovo telaio, lo userai anche qui?

Lo proverò domani, le sensazioni sono state buone. Dovrebbe migliorare il rendimento della moto con gomme finite, che è già un nostro punto di forza. Non mi è dispiaciuto, ha dei pro e dei contro”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti