Tu sei qui

SBK, Max Biaggi, un venerdì da leoni

FP2 - Il romano scatenato si migliora ancora, Giugliano chiude secondo nonostante una scivolata

Max Biaggi, un venerdì da leoni

Al termine del secondo turno di prove libere sul tracciato di Misano Adriatico, è ancora Max Biaggi ad imporre la sua legge.

Dopo il primo posto nelle prove di questa mattina, con record con gomme da gara di 1.35"629 di Tom Sykes ad un soffio, nella sessione pomeridiana il romano su Aprilia RSV4 abassa ulteriormente l'asticella dei tempi marcando un crono di 1.35"380, e migliorando di quasi tre decimi il suo riferimento.

Nonostante prove rovinate da una caduta alla Quercia, riesce a chiudere in seconda posizione Davide Giugliano. Il pilota Ducati, in difficoltà anche nelle prime prove libere, ottiene comunque un tempo decisamente veloce terminando la sessione staccato di +0.251 decimi dalla vetta.

Segue di un'incollatura il suo compagno di squadra Chaz Davies, terzo con un distacco di +0.257 ed a soli 0.007 millesimi da Davide. Quarta l'Aprilia di Leon Haslam, anche lui incappato in una scivolata, al giro 11 ed in questo caso al veloce Curvone, per fortuna senza conseguenze per il pilota. L'inglese paga 0.272 decimi dal riferimento di Biaggi.

Nel grande equilibrio dei tempi di questa seconda sessione del venerdì, dove i primi 13 piloti sono racchiusi nell'arco di un secondo, il duo Kawasaki chiude la sessione in quinta e sesta posizione. Con Jonathan Rea quinto che al momento è davanti al suo compagno di squadra Tom Sykes. Distacchi comunque ridotti dai primi e che vedono Rea segnare un 1.35"672, poco meno di un decimo meglio di Sykes che chiude a 0.355 dall'Aprilia numero 3. Buona la prestazione di Matteo Baiocco su Ducati Althea. Il pilota di Osimo centra la top ten segnando un 1.36"096, marcando stretti Alex Lowes e Leandro Mercado davanti a lui in ottava e nona piazza. Ayrton Badovini è 13esmo, Niccolò Canepa 16esimo. Luca Scassa, purtroppo caduto nelle prime battute riportando la frattura di una clavicola, e Gianluca Vizziello chiudono in 21esima e 22esima posizione.

Da segnalare l'interruzione, con bandiera rossa, del turno di prove per l'incidente a metà turno del francese Christophe Ponsson su Kawasaki, con sessione chiusa in infermeria. Per lui un controllo medico domani mattina per stabilire l'idoneità a schierarsi al via della terza sessione di prove.

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti