Tu sei qui

MotoGP, Marquez: buone sensazioni con il telaio 2014

Marc a Barcellona: "usarlo ad Assen? ci dobbiamo pensare, ma permette di recuperare gli errori"

Honda aspettava con ansia la giornata di test a Barcellona per cercare di risolvere i problemi che affliggono la RC213V. Il programma per oggi era chiaro: fare una comparazione tra il telaio 2105 e il 2014 e prove di elettroniche. Ci ha pensato la pioggia a rompere le uova nel paniere, lasciando la pista asciutta per meno di due ore. “Siamo stati sfortunati, non ci possiamo fare niente”, la prende con filosofia Marquez.

Marc, sei riuscito comunque a portare a termine un po’ di lavoro?

Sono riuscito a fare solo tre uscite prima delle pioggia. Sarebbe stata una giornata importante, avevamo delle novità in fatto di elettronica che non ho provato e il telaio 2014”.

Lo hai usato?

Sì, ma con il nuovo forcellone e altri particolari di questa stagione. E’ difficile avere le idee chiare dopo soli 5 giri, ma le prime sensazioni sono state positive. Servirebbe provarlo più a fondo, fare un long run, montare gomme nuove e usate, ma abbiamo potuto”.

In cosa è migliore?

Mi sembra di potere essere più consistente, permette di sbagliare di più e recuperare gli errori. Con il telaio 2015 invece bisogna essere molto precisi, altrimenti si sbaglia e non si può mettere una pezza, come ieri in gara. Con il vecchio ho ritrovato sensazioni simile a quelle dello scorso anno, ma non posso essere più preciso”.

Questione di rigidezza?

Non credo, penso dipenda più dalla posizione. Non ho fatto troppe domande tecniche”.

Stai pensando di usarlo al GP di Assen?

Non abbiamo ancora preso una decisione, le sensazioni sono buone ma dobbiamo analizzare a fondo i dati. Il Gran Premio di Olanda dovrà essere pianificato con attenzione, altrimenti si rischia di perdere tempo nelle libere e non trovare un buon setup per la gara. Comunque sono sicuro che siamo vicini a tornare a un buon livello”.

Pedrosa è tornato in forma, è un aiuto in più per lo sviluppo della moto?

Dani sta lavorando diversamente da me, è normale perché usa un telaio diverso e i nostri stili di guida sono molti distanti”.

Hai rivisto la gara?

I primi tre giri, gli altri li avevo già visti al box (ride). Scherzi a parte, sembravo a mio agio dietro a Lorenzo ma le gomme erano ancora nuove, non si possono tirare conclusioni”.

Ti sono arrivate critiche a proposito della aggressività in gara.

Non c'è niente da dire, quello è il mio stile, ho sempre guidato così”.

Dani PedrosaSe Marquez ha completato 20 giri (il migliore dei quali in 1’42”197), Pedrosa si è fermato a 16 (1’42”386 il suo crono). A differenza del compagno di squadra, non ha provato il nuovo telaio incominciando la giornata con la nuova elettronica.

Dani, è stata una giornata sprecata?

E’ stata molto corta… non c’è molto da dire. Ho fatto due sole uscite e nella seconda ho provato la nuova elettronica. Avevamo bisogno di più tempo, il lavoro da fare era tanto”.

Sei ottimista per il futuro?

Con questo regolamento è difficile fare grandi cambiamenti, i motori sono congelati. Inoltre non bisogna dimenticare che il prossimo anno avremo gomme diverse e cambierà tutto”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti