Tu sei qui

Moto3, FP2: Kent beffa Antonelli e Tonucci

Montmeló: il leader in classifica precede i due italiani. Quinto tempo per Bastianini

Proprio quando sembrava che Niccolò Antonelli ed Alessandro Tonucci fossero ormai destinati alla prima e seconda posizione nella classifica della Moto3 a Montmeló, il leader iridato Danny Kent ha ribadito la propria classe e competitività con la proverbiale zampata in regime di bandiera a scacchi. Il tempo del britannico è di 1’51.637, a tre decimi dalla pole del 2014 (1'51.299) e sufficiente per beffare i “nostri” rispettivamente di 11 e 65 millesimi. Da sottolineare come tutti i piloti, ad eccezione di Viñales, siano riusciti a migliorare i propri riferimenti nonostante le temperature più alte (35 gradi sull’asfalto, dieci in più rispetto alla FP1).

“Su questa pista ho sempre faticato, ma quest’anno sembra essere un’altra storia – ha detto a caldo Antonelli, da subito sotto 1’52 con gomma nuova sul finale – Sono contento, girando da solo ho dovuto tirare il fiato a un certo punto e chiudere un po’ prima. Si poteva fare qualche decimo meglio, ma per il giro veloce serve una scia perché si possono guadagnare anche 6/7 decimi. Comunque andare sotto a 1’51 è possibile”.

Notevole la progressione di Tonucci, bravo anche a sfruttare le scie sul finale e 1.7 secondi più veloce da una sessione all’altra. “Il turno è stato molto positivo – ha detto – Il Mugello ha rappresentato la nostra prima gara, dopo aver risolto i problemi elettrici. Ora ho più stabilità in frenata e possiamo lottare per posizioni di prestigio. Le scie mi hanno aiutato, da solo sarebbe stato più difficile”.

Classifica più corta che mai, con ben 23 piloti in un secondo. Alle spalle di Loi, Enea Bastianini ha chiuso con il quinto tempo (+0.113) dopo aver di fatto saltato la prima sessione per una caduta senza conseguenze fisiche al secondo giro. Alle spalle del riminese, al quale resta da sistemare solo il T1, troviamo il vincitore del Mugello Oliveira seguito da Quartararo, Navarro, Ono e Oettl, che chiude la Top 10. Turno tutto sommato positivo anche per Romano Fenati (14º a +0.600), Andrea Migno (18º a +0.723) e Francesco Bagnaia (21º a +0.918), distanziati in classifica ma con distacchi tutt’altro che proibitivi. Gli altri italiani: 25º Matteo Ferrari, 29º Andrea Locatelli, 34º Stefano Manzi.

I TEMPI

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti