Tu sei qui

MotoGP, Mugello: il Bello, il Brutto e il Cattivo

Lorenzo trionfa e l'Italia si accontenta con Iannone e Rossi. Errori a raffica per Marquez

I 90mila del Mugello speravano in una sbornia tutta italiana, si sono dovuti accontentare di qualche podio perché domenica solo la contraerea poteva avere ragione di Lorenzo. I popoli rossi e giallo hanno però potuto godere con Iannone e Rossi. Andrea funziona bene anche con una spalla sola, Valentino in gara riesce sempre a stupire.

Chi non ha trovato neanche un motivo per gioire sono stati Marquez e Dovizioso. Marc nella battaglia personale contro la Honda ha perso, Andrea è stato tradito da un corona che di reale aveva ben poco.

Di cosa ci siamo dimenticati? La Moto3. Bravi Fenati, Bagnaia, Bastiani e Antonelli a finire nei primi 6, ma le prime due posizioni sono state tabù.

IL BELLO –  Una spalla scalcagnata, una partenza così perfetta da risultare dubbia, tanti interrogativi spazzati via dal polso e dal cuore di Iannone. Retorica a parte, Andrea è riuscito a ingabbiare il suo talento irrequieto e a dargli una forma. Ha gestito un cagnaccio come Marquez, la sua forza, non ha ceduto alla voglia di strafare e ha fatto un’altra bellissima gara. Ora non gli manca niente, solo un po’ di tempo per riprendersi dall’infortunio.

IL BRUTTO – Si può gioire per un terzo posto al Mugello quando si arriva da leader del campionato? Valentino Rossi dice di sì, ma forse il naso gli si è allungato. Lorenzo ha eroso il suo vantaggio, Iannone gli ha soffiato il posto di migliore italiano ma il Dottore non può giocare sempre in rimonta. Non quando c’è il titolo nei pensieri. In gara Valentino va forte, in prova sembra il gemello addormentato.

Marc MarquezIL CATTIVO – Al box di Marquez hanno l’indiscussa abilità di prendere la decisione sbagliata al momento giusto. Il sabato si sono superati ma è normale:  errare è umano, perseverare diabolico e Marc è un piccolo diavolo. La caduta in gara ha chiuso in… bruttezza un fine settimana sbagliato. La RC213V non può essere diventata in pochi mesi una lumaca, ma bisogna rimboccarsi le maniche contro le lepri Ducati e Yamaha.

LA DELUSIONE – Ci ha messo nel suo sdraiandosi nel warm up, il resto l’ha fatto il destino nei panni di una corona difettosa. Andrea Dovizioso non ha colpe per quanto successo in gara, ma rimane il rammarico di un GP che poteva avere tutta un’altra faccia. Ha fatto il carico di rabbia, meno di due settimane per sfogarla a Barcellona.

Jorge LorenzoLA CONFERMA – Un Lorenzo così avrebbe vinto anche con un Ciao elaborato. Ci sono momenti in cui Jorge sembra correre da solo e i rivali diventano un rumore di fondo da cui allontanarsi in velocità. Quanto succede sono guai per tutti, la perfezione ha un nome e un numero, il 99.

L’ERRORE – Quello di Aprilia quando ha deciso di portare controvoglia Melandri in MotoGP. L’ultimo posto al Mugello di Marco girando su tempi degni della Moto2 non fa bene né a lui né a Noale. Si può sbagliare, ma bisogna anche riconoscerlo e avere il coraggio di correggersi. O il calvario diventerà insostenibile.

LA SORPRESA – Dall’oscuro lavoro dietro le quinte alla luce della ribalta, Michele Pirro non ha sprecato la sua possibilità. Una seconda fila in mezzo al gotha della MotoGP e un 8° posto in gara, niente male per chi è abituato a macinare chilometri nella più completa solitudine. Il pugliese ha fatto vedere di meritarsi qualche gara in più.

Romano FenatiIL SORPASSO – A contare tutti quelli della Moto3 si finirebbe al manicomio e il sorpasso di Fenati a Bagnaia sul traguardo è valso il podio per appena 3 millesimi. I nostri ragazzi hanno dato spettacolo ed è bello vederne 4 nei primi 6. Peccato che siano mancate le due piazze migliori.

LA CURIOSITA’ – Brembo ha eletto il migliore staccatore alla San Donato e il podio è tutto italiano. The winner is… Dovizioso, seguito da Rossi e Iannone. Poi gli spagnoli Lorenzo e Marquez, fino a poco fa primatista della specialità.

IO L’AVEVO DETTO – Valentino Rossi: “i miei risultati nelle prime gare hanno aiutato Lorenzo a credere in se stesso”. Chi è causa del suo mal..

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti