Tu sei qui

Moto2, FP2: Rabat subito da record

Lo spagnolo mette tutti in riga nel secondo turno, 5° Corsi, fuori dai primi dieci gli altri italiani

E’ ancora alla ricerca della prima affermazione in questo 2015, ma al Mugello Tito Rabat ha fatto capire di voler rompere il digiuno. Dopo aver siglato il terzo tempo della mattinata, lo spagnolo ha messo tutti in riga, bloccando il crono sul tempo di 1’52”311. Prestazione da record quella dello spagnolo, tanto da annullare il best lap siglato da Espargarò nel 2012. Lo spagnolo ha messo tutti in riga nell’ultima sessione del venerdì, ma bisogna evitare cali di concentrazione, perché il leader del mondiale, Johann Zarco, è distaccato di un solo millesimo dalla vetta. Il francese non ha voglia di lasciare nulla al caso, andando subito a colmare quel mezzo secondo accusato al mattino da Lowes (+0.231). Questa volta l’inglese della SpeedUp è terzo, con poco più di due decimi da recuperare nei confronti dell’alfiere Marc VDS.

Anche nel pomeriggio i valori visti in FP1 sono stati rispettati, a partire da Luthi (+0.354) tra i più veloci della giornata. Lo svizzero manda in archivio il secondo turno di libere con il quarto tempo, precedendo Simone Corsi. Il pilota laziale è stato ancora una volta il migliore della pattuglia azzurra, nonostante alcune difficoltà accusate nella parte centrale. Alle sue spalle Nakagami (+0.828) e Pons (+0.900). Fin ad ora l’alfiere Forward è stato l’unico ad entrare nella top.

A rincorrere le prime dieci posizioni è il compagno Lorenzo Baldassarri (+1”041), vittima di una caduta senza riportare conseguenze. Per il giovane proveniente dalla VR46 Riders Academy undicesimo crono, tallonato a quattordici millesimi da Franco Morbidelli. Un Morbidelli sembrato in apparente difficoltà rispetto a quanto visto nella prima parte di stagione. Il capitolino ci ha più volte dimostrato di saper ruggire nella qualifiche e quindi attenderemo le qualifiche. Perde terreno dalla vetta Mattia Pasini, alla prima stagionale. L’ex pilota Forward accusa oltre un secondo, chiudendo con il 22° crono. Sfortunato Schrotter, autore di uno scivolone senza conseguenze.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti