Tu sei qui

WSS, Donington: weekend perfetto per Sofuoglu

Il turco centra il suo quarto successo consecutivo. Nulla da fare per Cluzel, secondo all'arrivo

L’ennesima prova di forza consente a Kenan Sofuoglu di portare a casa la vittoria sul tracciato di Donington Park. Una gara che è stata quasi una guerra di nervi tra il pilota Kawasaki ed il rivale Jules Cluzel. Il francese le sta provando tutte per avere la meglio sul rivale, ma nonostante gli sforzi in questo momento Kenan sembra davvero inespugnabile nella sua forza e determinazione come dimostrano, oltre al primo posto, anche la pole ed il giro record della pista ( 1.29"925 il suo crono in qualifica) messi a segno in questo weekend.


LA GARA - Pronti via,e la MV del francese, scattato forte al semaforo, si porta davanti a tutti e cerca subito di mettere quanti più metri possibile tra sé ed il gruppone capitanato dal Sofuoglu. I giri in testa però sono appena due, quando Sofuoglu tira la staccata alla Melbourne Hairpin e si porta al comando. Da quel momento impone un ritmo indiavolato sul passo dell' 1.30”, che gli consente di mettere decimi preziosi tra sè ed i suoi inseguitori. Cluzel da parte sua non ha potuto subito replicare ai tempi di testa, per le gran fatica nell’avere la meglio sul pilota di casa Kyle Ryde. Una volta superato il grintoso inglese alla Goddard, con la Yamaha R6 nr.77 che arriva lunga in frenata, è iniziata la caccia al leader di gara, con la MV chiamata a tirar fuori ogni stilla di potenza dal suo tre cilindri. Un forcing per il francese che gli è valso il record di gara al 14esimo passaggio (1.30"425), ma anche costato un “jolly” con il posteriore della F3 per nulla contento evidentemente di come stavano andando le cose. Una imbarcata che ha non ha impedito fino a 5 giri dal termine di ricucire in parte il gap portandosi a poco più di meno di mezzo secondo dal leader, e pressando costantemente, sperando magari in un errore di Sofuoglu. Ma al momento, inserirsi tra il pilota Kawasaki e la vittoria, non è oggi facile con il turco che ha risposto agli assalti aumentando i giri del suo ritmo e involandosi verso la quarta vittoria stagionale (e consecutiva) e guadagnando altri 5 punti sul suo avversario.

Alle loro spalle lo spettacolo di questa Supersport a Donington lo hanno regalato Kyle Ryde ed il nostro Lorenzo Zanetti. Gara sontuosa dei due, che non si sono risparmiati nel tentativo di avere la meglio l’uno sull’altro. Ricompattatosi con la terza posizione, Zanetti le ha provate tutte per salire sul podio, ma sulla sua strada ha trovato un Ryde affatto disposto a mollare un centimetro. Un duello il loro che si è protratto per oltre metà gara con una lotta fatta di cuore e polso e gran sorpassi, sempre comunque nei limiti della correttezza.  Alla fine avrà ragione l'emergente 17enne inglese per meno di due decimi, con Zanetti quarto che va segnare il suo giro più veloce proprio sul finale.

Detto delle prime posizioni che comunque vedono due moto ed un pilota italiani in alto, da constatare che purtroppo la terra di Albione non ha portato fortuna ai nostri colori. Zanetti a parte, nessuno dei nostri ha centrato la top ten con Rolfo che chiude 11esimo, davanti a Russo 12esimo. Christian Gamarino chiude 14esimo ed ultimo italiano al traguardo. Weekend da dimenticare in fretta quello di Marco Faccani che dopo la caduta nelle qualifiche ha visto sfumare nella ghiaia anche la gara.

Di seguito l'ordine di arrivo:

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti