Tu sei qui

SBK, Giugliano, alla ricerca del peso perduto

"Ho perso quattro chili di muscoli durante lo stop. Mi sto allenando due volte al giorno"

Davide Giugliano, al rientro ad Imola dopo tre mesi di stop forzato in seguito alla frattura di due vertebre lombari – ha vissuto a modo suo l’”insostenibile leggerezza dell’essere”. Dopo una meticolosa preparazione atletica durante la pausa invernale, il romano si era presentato ai blocchi di partenza tirato come una corda di violino: 72 chili di muscoli ed una massa grassa ridotta al minimo. Purtroppo per lui, il regime di assoluto di riposo lo ha costretto a ricominciare daccapo tanto che, ad Imola, il pilota Ducati era visibilmente provato dopo le due manche, a causa soprattutto del calo della massa muscolare.

“Da allora ho effettuato due sessioni d’allenamento al giorno, facendo cardio alla mattina e lavorando sul potenziamento al pomeriggio – ha detto Giugliano, che ha avuto solo sette giorni a disposizione tra una gara e l’altra anche a causa di impegni promozionali – Avevo perso quattro chili durante lo stop, stando molto attento alla dieta. Rispetto alla prima gara, ne ho già riguadagnato uno e mezzo”.

La pista di Donington, ricca di cambi di pendenza e direzione e curve veloci, non è certo la più facile per chi, come il romano, sta riprendendo la forma. Tuttavia, Giugliano guarda con ottimismo al weekend di gara.

“Donington è un circuito fisico ma mi piace molto – ha detto – Ad Imola ho sofferto anche molto lo stress, essendo la mia prima gara dopo un brutto infortunio, mentre qui spero di correre più rilassato”.

Nel frattempo, Giugliano può fare affidamento sulla cucina inglese, magari non particolarmente gustosa, ma sicuramente ricca di proteine…

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti