Tu sei qui

Moto2, Luthi piega Rabat a Le Mans

Lo svizzero mette il proprio sigillo sul tracciato francese, 5° posto in rimonta per Morbidelli

Non ha voluto fare sconti a nessuno. Se a Le Mans tutti aspettavano Johann Zarco, a prendersi i riflettori è stato Thomas Luthi, che in Francia conquista il quinto successo nella classe intermedia. Trattasi di dominio vero e proprio quello dello svizzero, il quale ha preso la testa del GP nelle prime battuta non se l’è più fatta sfuggire.

Le Mans incorona Luthi, ma allo stesso tempo ritrova Rabat. Nonostante la vittoria sia mancata, lo spagnolo conquista il secondo podio stagionale, precedendo l’idolo di casa Johann Zarco. Il francese non avrà vinto davanti al proprio pubblico, ma le leadership della campionato resta salda nelle sue mani. C’è poi una certezza, che è rappresentata come sempre da Franco Morbidelli, autore di una straordinaria rimonta che lo porta al quinto posto: “Partivo quindicesimo e sono riuscito a risalire ben dieci posizioni – ha spiegato il laziale – è un risultato che regala grande fiducia, ma ora dobbiamo subito pensare al Mugello”. Per un Morbidelli che sorride, il volto scuro della giornata italiana è rappresentato a Corsi e Baldassarri, rispettivamente 18° e 21°. Caduti Rins e Salom, così come Marquez.

LA CRONACA - Al via lo spunto migliore arriva da Lowes, che passa subito al comando della corsa, mentre il poleman Rins si vede retrocedere addirittura al sesto posto. L’inglese cerca di dettare il ritmo, ma deve fare i conti con  Zarco e Luthi. Lo svizzerro sigla subito un 1’37”3, mettendo tutti in riga e conquistando la vetta. In terza posizione insegue Rabat, mentre scende addirittura al tredicesimo posto Morbidelli, seguito da Corsi.

Dopo soli quattro giri A.Marquez e L.Rossi mettono fine alla loro gara per un contatto, mentre Franco Morbidelli inizia la propria rimonta, raggiungendo addirittura la top ten, preceduto da Salom e Simon. Chi non riesce a migliorarsi è invece Corsi, tanto da essere risucchiato attorno alla ventesima piazza.  Se il laziale fatica, Luthi non ne vuole sapere di fermarsi, siglando il miglior tempo grazie al crono di 1’37”2.

A 17 giri dalla conclusione Jonas Folger, secondo in campionato, è costretto ad alzare bandiera bianca, a causa di uno scivolone mentre era in lotta con per la decima piazza occupata da Morbidelli. Senza più pressioni alle spalle, l’alfiere Italtrans riesce a sopravanzare Nakagami, mettendosi in scia a Salom e Simon. Gara da dimenticare invece per il compagno Mika Kallio, fuori dai giochi per una caduta. Ancora una volta delude il finlandese, mai in grado di essere competitivo in questo inizio di stagione.

Quando il Gran Premio si appresta ad entrare nella metà di gara, Luthi tiene sempre un secondo di vantaggio su Zarco, con il francese chiamato a tenere a bada Tito Rabat. Lo spagnolo riesce a liberarsi di Lowes, che insegue a oltre un secondo e mezzo. Non sembra esserci nulla da fare per Corsi, 20°, seguito cinque posizioni dietro dal compagno Baldassarri.

A dieci tornate dal termine si rivede il vero Rabat. L’iridato del Team Marc VDS infila Zarco, portandosi ad insediare Thomas Luthi. Lo svizzero sembra però aver ben salda la vetta, vantando oltre un secondo sull’iberico. A tenere alti i colori italiani è invece Morbidelli, che dopo aver infilato Salom mette nel mirino il quinto posto di Rins. L’attacco al poleman di Le Mans giunge a cinque giri dalla fine, con il laziale chiamato a tenere a bada i seguenti attacchi dello spagnolo. Inutile guardare avanti, dal momento che Lowes è distante otto secondi.

Con le prime posizioni ormai delineate, l’attenzione si sposta alla lotta per la quinta piazza, dove Rins cade a terra, mettendo fino al Gran Premio. Stessa sorte tocca anche a Salom, fuori in seguito ad un contatto con Morbidelli. Nella bagarre Simon ne approfitta, prendendosi la posizione del laziale. L’alfiere Italtrans risponde subito, rimettendo tutto a posto e chiudendo quinti. Festeggia Luthi, alla quinta vittoria in Moto2, seguito da Rabat e Zarco.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti