Tu sei qui

Polini Italian Cup, secondo round

Una sfida calda (30°) sotto ogni punto di vista sulla pista di Ottobiano

Polini Italian Cup, secondo round

La Pista South Milano di Ottobiano è stata teatro del secondo appuntamento di stagione della Polini Italian Cup, disputatosi in quella che è stata una lunga e calda giornata, con temperature che hanno superato il 30°. Ad ospitare le cinque categorie un tracciato veloce, della lunghezza totale di 1310 metri.

Dopo le consuete prove libere e le due cronometrate del mattino, nel primo pomeriggio han preso il via le gare. Due manche di gara ricche di sfide, sorpassi ed emozioni.

Pit Bike - Come consuetudine, sono state le Pit Bike a dare il via alle gare. Dopo lo straordinario successo sul Circuito di Latina, anche in questo secondo appuntamento di stagione è stato Gabriele Camorcia a lasciare la firma. Due vittorie che lo consacrano ancora più leader della classifica di campionato con 100 importantissimi punti. In Gara 1, a dargli del filo da torcere, ci ha provato Nicolò Castellini e Matteo Tortosa, rispettivamente secondo e terzo. Mentre in Gara 2 la vittoria è ufficialmente arrivata con la caduta del pilota ufficiale del Team Polini, che nel corso del penultimo giro è inceppato in un errore, perdendo così la possibilità di finire sul gradino più alto del podio.

Sul podio di fine giornata: Camorcia, Tortosa e Castellini.

70 Evolution Amatori - Grandi sfide, sorpassi e gas per la categoria 70 Evolution Amatori.

Dopo l’appuntamento a Latina, anche a Ottobiano in Gara1 a dare spettacolo e lottare per il podio sono stati Rocco Russo e Guido Conforti, con Riccardo Frigè terzo incomodo. Sfida per la quarta posizione tra Gabriele Beghelli e Davide Inversini. Prima manche da archiviare per Niccolò Loia che, nonostante una bella qualifica, è stato protagonista di una partenza anticipata dalla seconda casella in griglia.

Anche in Gara 2 sono stati Russo e Frigè a dare spettacolo, ma uno scivolone proprio alla prima curva dopo il rettilineo, mentre stavano per affrontare l’ultimo giro, ha visto Russo perdere ogni possibilità di tagliare per primo il traguardo. Vittoria per Frigè e seconda posizione per Loia, riscattatosi dalla sfortunata performance nella prima manche. Terzo tempo per Conforti.

Sul podio di fine giornata: Frigè, Conforti e Russo.

70 Evolution Open - Nella prima manche sono stati Filippo Corsi e Andrea Vignone a dare spettacolo, con una bella lotta conclusasi solo all’ultimo giro, quando il pilota ufficiale del Team Polini è purtroppo scivolato a terra. Rialzatosi, grazie al gap accumulato sugli inseguitori, è riuscito a chiudere secondo. Altra bella lotta con staccate al limite quella per la terza piazza, con protagonisti Matteo Tiraferri e Stefano Scribano, che ha avuto la meglio. Ha chiuso la top five Nicolò Castellini.

Il riscatto per Corsi ha preso vita in Gara 2, dove la vittoria è arrivata al termine di una bella sfida sempre con Scribano e Vignone. Matteo Tiraferri, in questa giornata decisamente sottotono, ha dovuto difendere ancora una volta la sua posizione dagli attacchi di Paolo Birtele, concludendo quarto.

Peccato per la performance del terzo pilota ufficiale Polini: Nicolò Castellini ha chiuso quinto Gara 1 e si è ritirato in Gara 2.

Sul podio di fine giornata: Corsi, Vignone e Scribano.

70 Evolution Supersport - Scivolate e colpi di scena per la 70 Evolution Supersport che, per la prima volta in Campionato, questa domenica non ha corso gara congiunta con la 70 Evolution Open.

Prima manche davvero sfortunata per Cristian Daldosso: scattato dalla seconda casella in griglia, è riuscito ad andare subito al comando, ma la partenza anticipata e una caduta al secondo giro lo hanno poi costretto al ritiro. Leader incontrastato sino a metà gara, Ivan Calce ha provato a conquistare i 25 punti della vittoria, ma anche lui è stato protagonista di una scivolata che lo ha visto retrocedere sino alla sesta posizione. Stessa sorte è toccata ad Alessandro Schiappa: al comando per alcuni giri è poi finito nelle retrovie per una caduta, concludendo nono. Ad approfittare della situazione Cristian Picciallo, seguito a ruota da Marco Girardi e Gianluigi Botti. Per lui una bella vittoria anche in Gara 2, grazie anche all’out di Calce, fuori dai giochi a causa di una spettacolare caduta. Seconda posizione per Mathieu Bessard e terza per Daniel Penzo, seguito a ruota da Marco Lazzoni.

Sul podio di fine giornata: Picciallo, Bessard e Girardi.

Vespa 135 - Come a Latina, anche Gara 1 della seconda prova della Polini Italian Cup, categoria Vespa, è stata una questione tra Nazzareno Lumina, pilota ufficiale del Team Polini, e Ivan Camera. Una lotta però durata solo tre giri, conclusasi con la scivolata e il ritiro di Camera, che ha perso la possibilità di mettere in tasca punti importantissimi. Seconda posizione per Matteo Piacentini e terza per Ahron Larcher. Gara 2, invece, vittoria per Marco Leaso, inseguito a ruota da Ahron Larcher, Matteo Piacentini e Lumina. I quattro sono stati protagonisti di una lotta sino all’ultima curva, con sorpassi e staccate al limite con le loro Vespa 135cc.

Sul podio di fine giornata: Leaso, Lumina e Larcher.

100 Big Open - Dopo il successo di Latina, Stefano Scribano è arrivato a Ottobiano più che mai determinato a portare a casa un altro trionfo. Ad ostacolare i suoi progetti ci hanno provato Julien Vitali e Nico Morelli: invano ogni tentativo, ed entrambe le manche di gara si sono concluse con la vittoria di Scribano. La sua è stata una performance perfetta ed intelligente in entrambe le manche di gara, studiata nei minimi dettagli con la giusta tattica di attacco e difesa. In Gara 2 anche Adriano Sisti ci ha messo il suo zampino, chiudendo con un buon terzo tempo.

Sul podio a fine giornata: Scribano, Morelli e Vitali.


Così in campionato:

PIT BIKE 125cc 4T

1. Camorcia 100; 2. Castellini 76; 3. Tortosa 68; 4. Berlini 52; 5. Leporati 42; 6. Caddeo 21; 7. Valente 19; 8. Bonanno 16.

SCOOTER 70cc AMATORI

1. Conforti 81; 2. Russo 69; 3. Inversini 58; 4. Frigè 57; 5. Beghelli 51; 6. Cionna 35; 7. Saccani 29; 8. Tentoni 26; 9. Loia 26; 10. Protti 25; 11. Novelli 24; 12. Mazzesi 15; 13. Mihael 14; 14. Berglez 11; 15. Illuminato 9; 16. Giacomin 9; 17. Rubino 6; 18. Sfiller 5; 19. Ferrante 4; 20. Terzini 3.

SCOOTER 70cc EVOLUTION OPEN

1. Tiraferri 76; 2. Corsi 70; 3. Vignone 65; 4. Scribano 62; 5. Moroni 55; 6. Gabellini 36; 7. Castellini 35; 8. Tarabella 18; 9. Birtele 18; 10. Zani 16; 11. Russo 9; 12. Berlini 7.

SCOOTER 70cc AMA SUPERSPORT

1. Picciallo 67; 2. Botti 64; 3. Ziarelli 52; 4. Calce 45; 5. Lazzoni 45; 6. Schiappa 43; 7. Penzo 35; 8. Bessard 33; 9. Koren 31; 10. Girardi 29; 11. Costa 26; 12. Stevanoni 12; 13. Daldosso 11; 14. Mancuso 7.

VESPA 135cc

1. Lumina 83; 2. Leaso 70; 3. Piacentini 66 4. Larcher 49; 5. Bigarella 42; 6. Camera 39; 7. Mammi 35; 8. Brugnolaro 28; 9. Rutigliano 25; 10. Meucci 18; 11. Cunti 15; 12. Costa 13; 13. Donati 13; 14. Bianchini 11; 15. Rigotti 10; 16. Pieropan 9; 17. Bressan 0.

SCOOTER 100 BIG OPEN

1. Scribano 95; 2. Morelli 73; 3. Sisti 58; 4. Bartolini 55; 5. Vitali 49; 6. De Carolis 36; 7. Pagliaccia 28; 8. Mihael 28; 9. Pelle 23; 10. Tiraferri 23; 11. Rota 20; 12. Giannecchini 5.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti