Tu sei qui

SBK, Fabrizio: questa Ducati è da podio

“Solo cento chilometri di test a Magione, ma ad Imola il pilota può fare la differenza”

Iscriviti al nostro canale YouTube

A quasi un anno esatto dalla sua ultima gara in SBK, Michel Fabrizio è pronto a tornare in sella nel mondiale delle derivate di serie proprio ad Imola. Il romano – che ci tiene a sottolineare come si sia sempre allenato da pilota a tempo pieno – sostituirà Nico Terol in sella alla Panigale di Althea, squadra laziale con la quale ha già corso in passato e, nonostante non abbia mai guidato una Panigale in configurazione SBK, per Fabrizio non si tratta di un salto nel vuoto.

“Abbiamo fatto un centinaio di chilometri a Magione la scorsa settimana, sostanzialmente per trovare la giusta posizione in sella – ha confessato il pilota di Frascati – Non è che potessi spingere più di tanto, giravo in mezzo ai privati, ma è stato comunque utile. Le prime impressioni? È ancora tutto troppo fresco, ne riparliamo domani (ride)”.

La sfida di Fabrizio è contro il tempo, sia quello sul cronometro che, più semplicemente, quello che scorre sulla clessidra. Settantadue ore per mettersi in mostra e trovare una sistemazione a tempo pieno anche se, al momento, di selle disponibili non ce ne sono.

“Non ci penso – ha aggiunto Fabrizio – Il team c’è, il pilota pure, ci sono tutti i presupposti per fare bene e può essere un’ottima occasione. Idealmente vorrei due podi, ma anche la Top 5 sarebbe soddisfacente. Finire dal sesto posto in giù significherebbe che qualcosa è andato storto”.

La sfida di Fabrizio comunque non si concluderà domenica. Anche in caso di risultati positivi, la caccia ad una sella competitiva non inizierà prima di lunedì.

“Diciamo che avrò una famiglia che mi aspetta a casa, contenta di riabbracciarmi. L’importante era farsi trovare pronti. Su questa pista, poi, il pilota può ancora fare la differenza più che da altre parti…”

Da domani, Fabrizio farà nuovamente sul serio e l'Italia a due ruote avrà un ulteriore soldato tra le proprie file. Abile e arruolato, per contrastare il dominio britannico (sei podi "All Brit" su otto gare corse fin qui) visto in questo inizio di stagione.

GUARDA IL VIDEO

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti