Tu sei qui

SBK, Aprilia, Haslam: Imola? Difficile e affascinante

"Ci siamo preparati molto in queste settimane". Torres: "Pista nuova, complessa anche nei videogiochi"

La quinta tappa del campionato mondiale Superbike è pronta ad andare in scena ad Imola, pista “old school” da sempre teatro di gare combattute. Il team Aprilia Red Devils si presenta sul tracciato “di casa” in cerca di conferme. Da un lato Leon Haslam, secondo in classifica generale, è chiamato sia a recuperare almeno parzialmente i 50 punti di svantaggio che lo separano da Jonathan Rea. Dall’altro, l’esordiente Jordi Torres continuerà il suo apprendistato in sella alla RSV4 RF su una pista mai affrontata prima.

“Non vedo l’ora di tornare in pista di nuovo ad Imola – ha commentato Haslam, alle prese con problemi di usura dello pneumatico anteriore ad Assen, dove per la prima volta non è salito sul podio in questo 2015 – È una pista difficile ma mi piace molto. L’atmosfera creata dagli appassionati italiani e la storia del circuito mi fanno sempre venire la pelle d’oca. So che il team ha lavorato tanto nelle ultime settimane, sono impaziente di risalire in moto”.

Dal canto suo, Torres ha come obiettivo principale quello di fare gara nel gruppo dei primi, cosa che ha già dimostrato di essere in grado di fare, seppur non ancora con la continuità alla quale aspira.

“Anche Imola è una pista nuova per me, mi sono preparato per quanto possibile con videogiochi e film, anche se non è facile capire la natura di un circuito così complesso – ha dichiarato, con la consueta ironia, il catalano – Scenderò in pista con tanta voglia di fare bene e stare più vicino ai migliori piloti, anche se non conoscere la pista rende tutto più difficile . Continueremo a lavorare nella messa a punto della mia RSV4 in frenata e dal punto di vista elettronico, per cercare il limite di moto e gomme”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti