Tu sei qui

MotoGP, Jerez: Lorenzo fa 3 su 3, 2° Pol Espargarò

FP3: Crutchlow segue le Yamaha. La Ducati di Dovizioso è 5°, davanti a Rossi e Marquez

Gli ultimi cinque minuti del terzo turno di prove libere a Jerez sono stati un vero e proprio antipasto delle qualifiche, con tutti i piloti in pista a cercare il migliore tempo per garantirsi l’accesso diretto alle Q2. Un’operazione non scontata sulla pista spagnolo, dimostrazione ne è la classifica che vede ben 13 piloti in poco più di 8 decimi.

Il più rapido – come nelle due sessioni precedenti – è stato Jorge Lorenzo, autore di 1’”38”493. Il maiorchino per grande parte del turno ha fatto prove di comparazione con le gomme, per poi tuffarsi all’attacco del tempo nell’ultimo scampolo di tempo. A guardargli le spalle c’è un’altra Yamaha, quella di Pol Espargarò che si è piazzato a solo 54 millesimi.

La prima Honda è quella di Cal Crutchlow, ottimo terzo a 82 millesimi. Il britannico avrebbe potuto anche strappare la prima posizione a Lorenzo, ma nel corso dell’ultimo giro si è rialzato quando era in vantaggio, forse credendo che il turno fosse già finito. Poco male, perché il pilota di LCR ha dimostrato un ottimo ritmo nel corso dei 45 minuti cronometrati.

Al quarto posto c’è la Suzuki del mago del giro secco Aleix Espargarò, che precede la Ducati di Andrea Dovizioso (a 0”235). Chiude la seconda fila virtuale Valentino Rossi, decisamente più competitivo rispetto a ieri quando aveva perso tempo insistendo con la gomma dura al posteriore.

Marc Marquez, che ha comandato per lungo tempo, si è trovato 7° (a 0”367) e ha continuato a girare senza utilizzare antidolorifici. Dietro il campione del mondo, si sono piazzati Andrea Iannone, Bradley Smith e Scott Redding. I tre sono gli ultimi piloti che hanno guadagnato l’accesso diretto alle Q2.

Non ci sono riusciti invece Maverick Vinales e Danilo Petrucci, che ha fatto un passo indietro rispetto alle ottime prestazioni di ieri. In casa Aprilia, il migliore è Alvaro Bautista con il 15° tempo (a 1”231), mentre Alex De Angelis e Marco Melandri chiudono la classifica.

Da segnalare la caduta di Eugene Laverty alla curva 5. Una curiosità: Loris Baz (20°) è stato l’unico pilota a non migliorare rispetto alla prima giornata.

I TEMPI

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti