Tu sei qui

Moto2, Jerez, FP2: Folger risponde a Rabat

Il tedesco beffa il campione (comunque in testa nella combinata) per 26 millesimi. Corsi 3º grazie al tempo nella FP1

Per soli 26 millesimi, Tito Rabat non è riuscito a mantenere la vetta della classifica provvisoria della Moto2 nella FP2, dove il vincitore del Qatar Jonas Folger (unico tra i primi dieci a migliorarsi nel pomeriggio) ha dato spettacolo nei minuti finali, danzando aggressivamente ed in equilibrio precario sui cordoli di Jerez fino a fermare il cronometro su 1’43.313, non lontano dal record in gara (sempre appartenente a lui) di 1'42.876 e meno di due decimi più lento del miglior giro siglato da Rabat al mattino su una pista più fredda e, conseguentemente, più veloce.

Confermate, comunque, le prestazioni di Rabat e Zarco, rispettivamente secondo (+0.026) e terzo (+0.153). Lo spagnolo campione in carica ma autore di risultati al di sotto delle aspettative in questo inizio stagione, si può consolare con un passo fin qui insostenibile per gli altri: 13 giri sotto 1’44, contro due soltanto di Folger, per fare un esempio. Più altalenante l’andamento del leader in classifica francese, che comunque sembra in grado di alzare la proverbiale asticella quando ce n’è più bisogno.

Grande equilibrio, come spesso accade nella categoria intermedia, con i primi 17 piloti in classifica racchiusi in meno di un secondo. Quarto tempo per Xavier Simeon (+0.304), che guida la pattuglia degli inseguitori davanti ad Alex Rins (in costante crescita e fin qui nettamente il migliore tra i debuttanti), Julian Simon, Sam Lowes, Luisa Salom, Anthony West e Thomas Luthi, che chiude la Top 10 a poco più di mezzo secondo di distacco.

La classifica corta non ha premiato gli italiani, tutti più lenti rispetto alla FP1: Simone Corsi (+0.669) ha chiuso con il dodicesimo tempo ma resta terzo nella combinata. Franco Morbidelli (+0.885) con il sedicesimo, Lorenzo Baldassarri (+1.306) con il ventiduesimo.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti