Tu sei qui

SBK, Melandri-Yamaha: il futuro che non ritorna

Molti degli ex collaboratori di “Macio” del 2012 già accasati, ma la MotoGP va stretta al ravennate

Un vecchio adagio britannico dice che c’è sempre un fondo di verità in uno scherzo. Anche nel gossip, verrebbe da dire, checché nessuna voce venga diffusa senza un secondo fine, specialmente in un ambiente ciarliero come il paddock della Superbike. Ad Assen, tra i bisbigli, si è sentito più di una volta il nome di Marco Melandri affiancato a quello di Yamaha per quanto riguarda il campionato SBK 2016.

Si tratta di una voce nata già qualche tempo, nello stesso momento in cui Andrea Dosoli – che con Melandri ha un rapporto molto stretto – è stato nominato responsabile coordinatore, ma in Olanda sono stati captati alcuni segnali che aumentano le probabilità che un nuovo matrimonio si celebri.

Emissari della filiale europea, che ha sede ad Amsterdam, sono stati avvistati al TT Circuit, e fin qui non c’è nulla di anormale. Tuttavia, uno di questi (che preferisce non essere citato) si è lasciato sfuggire un sorriso sornione ed eloquente quando gli è stato fatto il nome del ravennate. Melandri, poi, è in scadenza di contratto con Aprilia e, visti i risultati in MotoGP, il legame con Noale è tutt’altro che saldo. “Se non è felice, non lo costringeremo a restare con noi”, è il messaggio trasmesso dalla Casa italiana.

Di ostacoli, quindi, non ce sono. Tuttavia, bisogna sottolineare come per Melandri, anche in caso di ritorno in SBK sulla nuova R1, non si tratterebbe di un vero e proprio ritorno al passato. Innanzitutto, la squadra del suo anno di esordio, il 2012 (quando arrivò secondo in campionato), ha effettuato la più classica delle diaspore. Silvano Galbusera (capotecnico) è in MotoGP con Rossi e non sembra avere nessun motivo per tornare indietro, Michele Gadda (elettronico e pupillo di Dall'Igna) occupa un posto sempre più importante all’interno di Ducati SBK e la sua controparte di allora, Davide Gentile (elettronico, ma con Laverty), è attualmente sotto contratto con Suzuki in SBK.

Chi ci sarebbe dunque dietro all’avventura di Melandri? Oltre a Dosoli, il tecnico Marcus Eschenbacher (già a fianco di Crutchlow e Laverty nelle derivate di serie), tornato a lavorare con Yamaha nel 2014 all’interno dell'engineering di Neuss (alle porte di Dusseldorf) già a supporto delle squadre attualmente impegnate in Stock 1000, BSB, IDM e mondiale Endurance. Per quanto riguarda il team in sé, l’ipotesi più accreditata continua a restare quella di appoggiarsi ad una struttura preesistente, seguendo una politica di supporto ufficiale clienti simile a quella messa in atto da BMW, piuttosto che aprire una squadra ufficiale. In cima alla lista c’è il team Milwaukee Yamaha gestito da Shaun Muir nel BSB (dove Brookes ha già collezionato tre podi in quattro manche). Ennesimo esempio di come, nel frattempo, lo sviluppo della R1 proceda con il vento in poppa.

“Siamo molto contenti dei risultati nel BSB, soprattutto perché la moto ha debuttato in gara dopo soltanto tre giorni di test, ed anche nel mondiale Endurance abbiamo messo in mostra una grande competitività – ha commentato Dosoli ad Assen – Nella Stock schieriamo otto moto, siamo secondi solo a Kawasaki, ed è un bel segnale di fiducia visto che la R1 è nuova”.

La Stock, di solito, è utilizzata come banco di prova in vista del passaggio in Superbike.

“Non siamo ancora sicuri di passare in classe regina, decideremo entro giugno”, è stato il commento, politicamente corretto, di Dosoli (Sylvain Barrier, nel frattempo, aveva dato una versione differente), che ha smentito ufficialmente ogni contatto con Melandri. Eppure, dietro le quinte, si sta lavorando proprio in questa direzione. Per “Macio”, che il prossimo anno celebrerà le 34 primavere, potrebbe essere l’ultima chance di tornare iridato dopo una lunga odissea che lo ha portato ramingo per il paddock di SBK e MotoGP, sempre con la valigia in mano (anche se piena). Va sottolineato come l'operazione non sia esente da rischi, anche a livello di immagine, ma non per questo meno seducente...

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti