Tu sei qui

Moto2, FP3 : Lowes, Zarco, sempre loro

In Moto3 continua il periodo d'oro di Danny Kent. Il migliore dei nostri è Fenati, sesto

Ancora loro, sempre loro. La Moto 2 è Inghilterra contro Francia, Sam Lowes contro Johann Zarco, sempre vicini, sempre pronti a scambiarsi il vertice della classifica.

Se ieri era stato il pilota del team Ajo Motorsport a portarsi in testa, oggi, nell'ultima sessione prima delle qualifiche ufficiali Lowes si è preso il vertice con il tempo di 1'42.961. Il portacolori SpeedUp è stato l'unico a scendere sotto il muro dell'1'43, precedendo Zarco di 49 millesimi.

1'43.010 il riferimento cronometrico per il transalpino che si mette dietro un Rins sempre più sorprendente. Il giovane Rookie sembra aver imparato in fretta ad utilizzare la Moto2, moto comunque particolare da portare al limite anche per le dimensioni delle gomme Dunlop posteriori che richiedono una guida decisamente sporca.

Per Rins un tempo di 1'43.049, 88 millesimi peggio di Lowes. Il giovane portacolori del team Pons precede il campione del mondo in carica Tito Rabat che proprio nel finale aveva l'occasione di portarsi in testa, ma è stato ostacolato da una moto più lenta proprio nell'ultimissimo settore.

Per Rabat un ritardo di 170 millesimi. Quinta piazza per Jonas Folger, davanti al nostro Franco Morbidelli, sesto a 372 millesimi dalla vetta. Settimo un redidivo Dominique Aegerter che, dopo un inizio di stagione piuttosto complicato, sta risalendo la china. 446 i millesimi di ritardo dello svizzero, davanti a Sandro Cortese e Mika Kallio. Decimo Thomas Luthi a solo mezzo secondo dalla vetta.

Come sempre infatti, distacchi estremamente contenuti tra i protagonisti. Basti pensare che sono 20 i piloti nello spazio di un secondo, con Louis Rossi, 21esimo, a +1.007. Nel mezzo, da sottolineare la 12esima posizione di Simeon davanti a Schrotter ed al nostro Lorenzo Baldassarri (+0.717), 14esimo. 18esimo invece Simone Corsi a 916 millesimi dalla vetta.


MOTO 3 - Continua il periodo d'oro per Danny Kent. Il leader in classifica generale mostra tutto il suo potenziale e prenota la Pole position, ritoccando il record del circuito già in questa ultima sessione di prove libere. 1'48.854 il riferimento cronometrico del britannico.

Sorrisi in casa Leopard Racing non solo per la prima posizione, ma per quella che è una doppietta vista la seconda piazza di Efren Vazquez, staccato di 302 millesimi dalla vetta. Terza piazza per Miguel Oliveira, migliore tra i piloti di casa KTM (+0.576) che precede il giovane Quartararo, ancora ai piani alti dopo il podio di Austin.

Quinta piazza per McPhee davanti a Masbou e, in settima posizione, il migliore dei nostri, Romano Fenati che proprio a Rio Hondo lo scorso anno conquistò una rocambolesca vittoria . Per il portacolori del team VR46, un ritardo di 886 millesimi dalla vetta.

Ottava posizione per Karel Hanika davanti a Navarro e ad Antonelli. 12esimo Bastianini, 15esimo Migno, 20esimo Bagnaia, 23esimo Ferrari, 28esimo Tonucci davanti a Locatelli e Manzi.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti