Tu sei qui

MotoGP, Marc Marquez, una pole alla Usain Bolt

LA FOTOSEQUENZA Dallo stop al muretto alla pole in un minuto e dodici secondi

Quella compiuta da Marc Marquez ad Austin, per centrare la pole, può essere classificata come una vera e propria impresa sportiva.

Spengere il motore quando mancano 3'24" alla fine della sessione di qualifica, saltare il muretto a meno 3'17", correre lungo la corsia dei box a -3'10", riuscire a salire nuovamente in moto con appena 2'38" a disposizione quando per fare un giro del circuito di Austin ce ne vogliono più di due è una prestazione da atleta, prima che da pilota.

Sono passati infatti appena un minuto e dodici secondi da quando Marc ha deciso di appoggiare la sua Honda RC213V al muretto a quando è ripartito. Immaginate lo sforzo fatto nella corsa con tuta, casco e stivali e l'adrenalina che Marc doveva avere addosso: la sua prontezza di riflessi unita alla successiva freschezza fisica gli hanno consentito di portare a casa una pole che altrimenti sarebbe andata perduta. Tanto di cappello.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti