Tu sei qui

SBK, Aragon: Haslam si prende la Pole position

SP - Aprilia contro Ducati: Davies a 33 millesimi. Terzo Sykes, buon sesto Badovini

God bless the Queen. Risuona forte l'inno della regina anche nella terra dell'Invincibile Armada spagnola. E' il campionato degli inglesi quello che la Superbike sta offrendo.

Ma a ben vedere, di spunti e motivi di interesse ve ne sono ben altri. C'è la rivalità tutta italiana tra Aprilia e Ducati, entrambe focalizzate nel contrastare l'armata del Sol Levante in verde.

La voglia di Haslam e di Rea dopo anni duri, le risposte di Sykes al nuovo arrivato. Storie, tante che ad ogni sessione si ripropongono, facendo si che nessuno si risparmi ad ogni sessione.

Ecco quindi come la Pole di Haslam, per soli 33 millesimi su Chaz Davies, assume diverse chiavi di lettura. Il portacolori di Noale ha effettuato un giro eccellente, simboleggiato da un'ultima curva da cuore in gola, riuescendo a battere il 'rivale' in rosso Davies, piuttosto deluso per un errore alla prima staccata al suo ultimo tentativo.

1'49.664 il riferimento di Haslam davanti dunque a Davies e alla coppia Kawasaki, con Sykes che, dopo due round leggermente opachi, sta cercando in tutti i modi di ristabilire date gerarchie. Ecco spiegata anche la soddisfazione per un terzo posto del vice-campione del mondo, capace di mettersi dietro Johnny Rea, comunque sembrato il migliore in termini di passo e setting.

Risposte e motivazioni dicevamo, come quelle di Fores, in sostituzione da Aragon di Davide Giugliano, che chiude con un buon quinto posto (+0.785), davanti ad un convincente Ayrton Badovini, sesto a +1.006 nonostante una gomma da tempo in meno. Il biellese non scendeva in pista da Agosto 2014, ed ha mostrato tutta la propria classe, riuscendo a mettersi dietro Jordi Torres con l'Aprilia (+1.071), Alex Lowes (+1.260), Nico Terol (+1.482) e Leandro Mercado a chiudere la top ten (+1.579). Undicesimo Michael van der Mark con una Honda che soffre qui ad Aragon considerando anche la 14esima piazza di Guintoli.


Di seguito le dichiarazioni dei primi tre:

Haslam: "qua Kawasaki e Ducati hanno fatto diversi test, mentre per noi era la prima volta. Quindi abbiamo fatto veramente un buon lavoro. Devo ringraziare la squadra per questa qualifica pazzesca. Sono molto soddisfatto, quasi non ci credevo"

Davies: "Sono 'incazzato' un pò. Scherzo, sono contento, la prima fila va bene per domani, ma ho fatto un errore, un lungo alla prima curva, poi ho recuperato un pò, ma il giro non era perfetto. Due o tre piccoli errori ma va bene cosi. Con la gomma da qualifica ti dimentichi dei problemi al grip posteriore"

Sykes: "Le cose stanno andando meglio! Sono piuttosto soddisfatto ma con la gomma da qualifica non ero perfetto. All'ultima curva? Si entrava un pò il controllo di trazione, avevo avuto delle avvisaglie e non ho forzato tantissimo. La prima fila va benissimo"


CRONACA SUPERPOLE

Si parte con la Superpole 1. Protagonisti Guintoli, Lowes, Badovini, Baiocco, Ramos, De Puniet, Canepa, Ponsson, Barragan, Camier. 15 minuti per vedere chi passerà in Superpole 2

- Subito un trenino di piloti con Guintoli a fare l'andatura seguito da Canepa, Ponsson  e De Puniet leggermente più staccato

- Guintoli sembra però esser ben più veloce, staccandosi immediatamente, e si nota come Canepa provi a forzare le staccate per fare il tempo.

- Sul traguardo: 1'52.212 il riferimento del campione del mondo, seguito da Camier a 586 millesimi.

- Arriva però Badovini e si porta in testa: 1'52.100 seguito da Lowes a soli 19 millesimi

- Guintoli nel suo secondo tentativo sembra essere il più veloce: 42 millesimi di vantaggio al T3. Così è e Guintoli chiude in 1'51.882 con 218 millesim di vantaggio su Badovini

- Il biellese abortisce il suo secondo tentativo e rientra ai box.

- Primi cambi di gomma: la situazione vede Guintoli davanti a Badovini, Lowes, Camier, Baiocco, De Puniet, Ramos, Canepa, Ponsson, Barragan

- Mancano 6 minuti e 30 secondi. Vedremo chi si giocherà la gomma da qualifica

- 4 minuti e 40: esce Guintoli seguito da Ponsson e Camier.

- Si è lanciato Badovini con la gomma da tempo: 2 decimi di vantaggio al T1 e mezzo secondo al T2, 7 decimi al T3

- Sul traguardo Badovini chiude in 1'51.215: prima posizione!

- Guintoli al T3 ha 296 millesimi di ritardo per una virtuale seconda piazza

- Sul traguardo: 1'51.492. Il campione del mondo rischia considerando Lowes o Baiocco che ha 25 millesimi di vantaggio sul primo al T3

- 1'51.404 per Baiocco: seconda piazza per il ducatista

- Lowes ha 3 decimi di ritardo al T3, ma sul traguardo chiude in 1'51.367: secondo!

- Passano alla Superpole 2 Ayrton Badovini con la BMW e Alex Lowes con la Suzuki. Terzo Baiocco davanti a Guintoli, Camier, Canepa, Ponsson, Ramos, De Puniet e Barragan.


Superpole 2: protagonisti Davies, Rea, Fores, Haslam, Sykes, Torres, Terol, Van der Mark, Salom, Mercado e i sopraggiunti Badovini e Lowes

- Il primo a lanciarsi è Haslam seguito a ruota da Mercado e van der Mark

- Rea però è stato ancora più veloce trovandosi già al T2. Sul traguardo il capoclassifica chiude in 1'50.740, ma Davies sembra poter far meglio.

- Haslam per ora è secondo ma come predetto Davies si porta in testa: 1'50.299 per il portacolori Ducati.

- Haslam dunque terzo, davanti a Fores quarto e Badovini quinto.

- Si lancia sul traguardo Sykes: 1'50.333. 34 millesimi di ritardo da Davies.

- Fores al T2 ha 8 millesimi di vantaggio, ma al T3 tre decimi. Potenziale terzo posto. Sul traguardo chiude in 1'50.964: quarta piazza.

- Subito dietro Torres che chiude quinto in 1'51.000. Haslam quindi scende in sesta piazza davanti a Badovini

- Tutti ai box per sfruttare poi la gomma da tempo per gli ultimi minuti e probabilmente cambiere qualche aggiustamento di fino.

- Esce immediatamente Chaz Davies, seguito a ruota da Ayrton Badovini.

- Si lancia ora Davies quando mancano 5 minuti ma sbaglia l'ingresso della prima curva. Badovini lo segue a ruota. Vediamo se la sbavatura gli costerà caro.

- 1'49.697: Chaz Davies ha effettuato un giro fantastico. Badovini ora è terzo. Attenzione però a Sykes e Haslam

- L'aprilia chiude in 1'49.664: per tre millesimi pole provvisoria.

- Arriva Sykes che perde sempre un paio di decimi all'ultima curva e chiude terzo

- Leon Haslam dunque conquista la sua Pole davanti a Davies, Sykes, Rea, Fores, Badovini, Torres, Lowes, Terol, Mercado, Van der Mark, Salom.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti