Tu sei qui

Moto3, Austin - Locatelli bracca Masbou

FP2 - L'italiano in forma, precede Kent e Vazquez. Quinto Niccolò Antonelli

Il tempo è il grande protagonista di questa prima giornata di prove sul circuito di Austin.

Se da un lato però, il tempo inteso come dio kronos, come il cronometro, è un elemento familiare per i piloti, il 'mutabile' tempo, inteso come condizione atmosferica, è stato un grande spartiacque che ha condizionato le varie sessioni, non ultima la seconda sessione di prove libere della Moto3. Condizioni che possono esser sfruttate in negativo o in positivo. Questione di feeling direbbe qualcuno.

Ed è evidente che la fiducia risulta un fattore determinante. Prendete Alexis Masbou, primo in queste FP2, vincitore nell'ultimo round di Losail. Il francese sembra godere di un'ottimo stato di forma, e chiude la sessione in 2'29.267, con un circuito che giro dopo giro tendeva ad asciugarsi.

Dietro il francese la sorpresa della giornata, quell'Andrea Locatelli che, dopo le buone prestazioni della prima sessione, si è migliorato in maniera esponenziale, portandosi in seconda posizione, e anzi, sfiorando la prima per soli 38 millesimi.

E' evidente come l'ex pilota del team Italia abbia instaurato un buon feeling con moto e condizioni di grip precario. Terza e quarta piazza per il duo del team Leopard formato da Danny Kent ed Efren Vazquez, ma già qui i distacchi cominciano a farsi più preminenti con l'inglese a 576 millesimi e lo spagnolo a 806 millesimi dalla vetta.

In tema di conferme, ecco anche Niccolò Antonelli, non pregiudicato da una caduta, ed autore di un buon quinto posto che mostra il cambio di passo rispetto allas sfortunata stagione 2014. L'italiano del team Ongetta chiude a +0.841 e precede Jorge Martin e la Mahindra, primo pilota ad accusare un distacco superiore al secondo (+1.112). Settimo Enea Bastianini con un ritardo di 1.615 secondi dal vertice.

Dodicesimo invece il rookie Fabio Quartararo (+1.895). A seguire, Matteo Ferrari si posiziona in 17esima piazza, davanti a Jules Danilo ed al duo nostrano formato da Stefano Manzi e Francesco Bagnaia, 20esimo. 23esimo Andrea Migno che fa meglio di Romano Fenati - 25esimo - e Alessandro Tonucci, 26esimo.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti