Tu sei qui

Moto3, FP1: Antonelli pesce volante sul bagnato

Ad Austin Niccolò mette alle sue spalle Kent e Locatelli. Il debuttante Manzi 15°

Il weekend texano del motomondiale è iniziato in ritardo, colpa non tanto della pioggia – che è incominciata a cadere poco prima dell’entrata in pista delle Moto3 – quanto di problemi logistici. È stato necessario infatti controllare il posizionamento dei commissari di gara sul tracciato e l’operazione ha portato a una partenza posticipata di 50 minuti sulla tabella di marcia.

Una volta apparsa la luce verde sulla corsia box, i piloti della classe cadetta sono scesi in pista con gomme da bagnato. È stato un turno importante perché le previsioni meteo promettono pioggia per tutto il fine settimana, soprattutto per la gara.

In condizioni così difficili ha spiccato Niccolò Antonelli, autore del miglior tempo con 2’31”668. Il pilota del team Ongetta è sembrato molto a suo agio con la Honda e ha tenuto alle sue spalle Danny Kent (a 0”880) che ha anche comandato il turno nella sua parte centrale. Terzo un altro italiano, anche lui su Honda: è Andrea Locatelli che però paga già un ritardo superiore ai due secondi.

Dietro di lui, nell’ordine, l’esperto Vazquez, Khairuddin, Kornfeil, Vinales , Martin e Ajo. Chiude la top tean Fabio Quartararo che si è fatto vedere anche su una pista sconosciuta e sotto l’acqua. Bene anche Stefano Manzi, alla sua prima uscita con la Mahindra del team Italia è 15°.

Gli altri italiani: 19° Fenati, 25° Bastianini, 26° Bagnaia, 27° Migno, 28° Ferrari, 29° Tonucci. A chiudere la classifica le due ‘pilotesse’ Herrera e Carrasco.

Da segnalare le Cadute di Suzuki e Hanika.

I TEMPI


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti