Tu sei qui

SBK, STK1000: Lorenzo Savadori parte forte

In STK 600 secondo tempo per Michael Rinaldi con la Kawasaki del team Italia

STK1000: Lorenzo Savadori parte forte

La prima giornata di prove libere di Aragon per la Superstock 1000 si chiude nel segno di Lorenzo Savadori, nuovo portacolori del team M2 Racing con l'Aprilia RSV-4.

L'italiano, che lo scorso anno ha letteralmente sfiorato il titolo, chiude la giornata con il riferimento di 1'53.603, staccando il più veloce dei suoi avversari, quel Sylvain Barrier che, chiusa l'esperienza in SBK con il team BMW Motorrad, è risceso in Stock con la Yamaha R1 supportata ufficialmente con il team G.M Racing.

Complice anche l'innalzamento dell'età limite, quest'anno troviamo altri piloti 'scesi' in questa categoria, come Raffaele De Rosa, quinto con la Ducati Panigale o Roberto Tamburini con l BMW S1000RR.

Tornando alla classifica, detto di Savadori primo, di Barrier secondo a 7 decimi, terzo è Ondrej Jezek con la Ducati che prende però 1 secondo di distacco dalla vetta. Quarta piazza per Lussiana, anch'egli rimasto in sella alla Kawasaki a precedere proprio il già citato De Rosa (+1.068) e Tamburini (+1.196). Settima piazza per Lanusse con la Kawasaki del team Pedercini davanti al nostro Fabio Massei (+1.440). Chiudono la top ten Suchet e Staring, entrambi con le Kawasaki. Tante le verdone quindi, ma non come lo scorso anno quando monopolizzavano i primi posti in compagnia di Ducati. Da queste prime battute, ci si potrebbe prospettare un 2015 con Ducati e Kawasaki protagoniste, ma anche con la nuova Yamaha e la BMW in grado di recitare un ruolo primario.

Undicesimo Magnoni dunque proprio con la Yamaha R1, davanti a Coghlan e Bergman, anch'essi con la moto di Iwata. Gli altri italiani: 14esimo Calia, 20esimo D'Annunzio, 22esimo Salvadori, 25esimo Butti, 28esimo Cecchini, 31esimo Castellarin, 32esimo Cavalli, 35esimo Sanchioni, 36esimo Marchionni.

STOCK 600 - E' il turco Razgatioglu il più veloce in pista, dopo che si era già mostrato al grande pubblico durante l'ultimo round di Magny Cours lo scorso anno. 1'57.007 il riferiemnto del neo portacolori del team Kawasaki Puccetti a precedere il nostro Michael Rinaldi, secondo con il team Italia in sella alla Kawasaki. Terzo Niki Tuuli e la R6 del team Kallio Racing davanti a Federico Caricasulo, quarto con la Honda del team Junion Pata. Nei dieci anche Andrea Tucci, secondo portacolori del team Italia, davanti ad Alessandro Zaccone, pilota del team dell'ex iridato 125 Gabor Talmacsi

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti