Tu sei qui

MotoGP, Aprilia, avanti adagio: il GP è un test

Tanto lavoro e poche soddisfazioni. Gresini: "Raccogliamo informazioni"

L' Aprilia sta accumulando chilometri con la RS-GP e con essi dati per indirizzare la crescita della moto.

Nei due turni del venerdì Bautista e Melandri  hanno totalizzato complessivamente 51 giri finendo penultimo ed ultimo, o 24esimo e 25esimo, per essere politicamente corretti. Sia Romano Albesiano che Fausto Gresini hanno comunque valutato positivamente il grande lavoro svolto dal team, naturalmente alla luce della gioventù del progetto tecnico.

"Oggi abbiamo lavorato soprattutto sugli assetti alla ricerca di un miglior trasferimento di carico, per far lavorare meglio il pneumatico posteriore - ha spiegato Albesiamo - e soprattutto Alvaro, nelle sessioni di oggi, ne ha ricavato sensazioni positive. Abbiamo anche dovuto affrontare e risolvere alcuni inconvenienti che in questa fase del progetto sono naturali ma che ci hanno rallentato un po' il lavoro in questa ultima sessione".

"Per noi è un po' come essere a un test, il progetto è molto giovane e abbiamo bisogno di tempo - gli ha fatto eco Gresini - Anche oggi abbiamo provato diversi assetti per migliorare l'aderenza e il trasferimento della potenza a terra.  Siamo tutti impegnati a velocizzare questo processo di sviluppo. Ogni volta che andiamo in pista raccogliamo nuove informazioni utili".

Un lavoro duro per la squadra, ma anche per i piloti.

"Nelle FP2 abbiamo provato un assetto differente per migliorare l' entrata in curva e ottenere più trazione in uscita; le sensazioni sono state positive, ma poi un problema tecnico ci ha impedito di sfruttare gli ultimi minuti del turno, nei quali avrei voluto montare la gomma morbida. Nelle FP3 un inconveniente al motore della seconda moto mi ha invece impedito di essere veloce come avrei voluto. Il lato positivo è che il set up provato nelle FP2 sembra essere una buona base per futuri sviluppi, per cui cercheremo di riprovarlo più a fondo. Sappiamo che in questo nostro anno di test potremo avere delle giornate dove va tutto bene, e altre nelle quali dovremo affrontare e risolvere problemi, questa è la sola via per crescere", ha spiegato con molta tranquillità Bautista.

Un po' meno paziente, come sempre, è apparso Melandri.

"Non è cambiato molto rispetto a ieri - ha detto, poi ha aggiunto - Abbiamo fatto diversi cambiamenti ma la mia situazione non è migliorata in maniera netta, lavoriamo sui dettagli ma non ho ancora quel cambiamento sostanziale che sto cercando di raggiungere. Da parte mia continuo a impegnarmi al massimo, ora il mio obiettivo è fornire ai nostri tecnici gli spunti giusti per migliorare con decisione".

Marco, per la cronaca, è caduto due volte.

Più veloce delle due Aprilia ufficiali nella combinata ha fatto Alex De Angelis, in sella alla ART, 22° con il tempo di giovedì.

Alex  stava provando un pneumatico duro all’anteriore quando, al suo secondo giro dall’uscita dal box, è caduto alla curva due del circuito di Losail per una perdita d’aderenza sull'anteriore. Nella caduta ha riportato una profonda escoriazione al ginocchio sinistro e per questo è stato subito medicato e trattato dal personale medico della Clinica Mobile presente in Qatar.

“La caduta alla fine delle FP3 non ci voleva proprio. Stavo provando la gomma dura sul davanti ma al secondo giro sono andato in terra perdendo aderenza all’anteriore in entrata della curva due. Quando mi sono alzato da terra non sentivo molto dolore, poi quando ho levato la tuta mi sono reso conto della ferita e mi sono fatto medicare in Clinica Mobile. Spero solo di stare bene domani per poter fare una buona qualifica. Per quanto riguarda il lavoro in pista stavamo facendo tutto quello che ci eravamo prefissati di fare, compreso un long run nel quale sono stato anche costante e veloce nei tempi nonostante partissi con il serbatoio pieno. Quello che di sicuro abbiamo capito dalle prove di oggi è che la gomma dura all’anteriore non è da usare. Ora devo solo riposare e aspettare che la mia ferita si cicatrizzi per essere in forma domani”.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti