Tu sei qui

Buriram: Alex Lowes suona la carica al mattino

WUP - Rea conferma il suo stato di forma in seconda posizione. Bayliss chide ottavo ad un secondo

Prima fila ieri, con il terzo tempo, miglior riferimento questa mattina in attesa delle due manche. Alex Lowes in Thailandia sta mostrando il suo stato di forma, dopo l'inizio sottotono di Phillip Island.

L'alfiere di Sua Maestà la Regina è il primo di cinque 'sudditi' nei primi sei posti, con un riferimento cronometrico in grado di abbattere il muro del minuto e 34 secondi: 1'33.954 il limite del portacolori di Hamamatsu, in grado di mettersi dietro - in questo breve spazio temporale del warm up - Johnny Rea, staccato di 117 millesimi di secondo.

1'34.071 il tempo dell'autore della Superpole di ieri, comunque candidato principale per la vittoria. Attenzione però: lo stesso Lowes ieri in parco chiuso aveva detto di avere un passo migliore del suo 'best lap'.

Terza piazza per Leon Haslam, anche qui a Buriram protagonista. L'inglese ha un gap di 380 millesimi di secondo, e precede il suo compagno di squadra, lo spagnolo Jordi Torres, quarto a +0.558.

Quinta piazza per Tom Sykes (+0.775), che anche qui in Thailandia, cosi come in Australia, sembri soffrire il livello prestazionale del proprio compagno di squadra. Tom precede Chaz Davies con la migliore delle Ducati Panigale R (+0.871), e Troy Bayliss, ottavo, ad un secondo dal vertice. Tra i due lati del box Aruba Ducati, si infila - nel mezzo, in nona posizione - Michael van der Mark, a 956 millesimi dalla vetta.

Chiudono la top ten Luis Salom ed il nostro Matteo Baiocco, che qui a Buriram sembra aver trovato una strada di setting e prestazionale migliore rispetto a Nico Terol, 14esimo stamattina.

CLUZEL IN SUPERSPORT - La MV Agusta F3 di Jules Cluzel è stata la più veloce stamattina con il riferimento cronometrico di 1'37.831, davanti a Sofuoglu (+0.141) e Kyle Smith (+0.266). I tre si  confermano protagonisti di questo fine settimana, ma attenzione anche a Lorenzo Zanetti, quarto a 306 millesimi. Gli altri italiani: Rolfo ottavo, Faccani undicesimo, Russo 14esimo, Menghi 16esimo, 19esimo Gamarino.

Articoli che potrebbero interessarti