Tu sei qui

Pirelli Scorpion Trail II: Giano bifronte

Sviluppati in sinergia con la Multistrada, li abbiamo provati durante il nostro test di Lanzarote

Pirelli Scorpion Trail II: Giano bifronte

Le strade di Ducati e Pirelli viaggiano parallelamente oramai da tempo. Fin dalla nascita del progetto chiamato Multistrada, nell'ormai lontano 2003, la casa italiana di pneumatici ha lavorato a stretto contatto con Borgo Panigale per cercare di creare una sincronia sempre migliore tra mezzo e gomme. Un 'momento' fondamentale, considerando come è proprio la gomma il 'mezzo' che rimanda le sensazioni al pilota, in piena sincronia con il lavoro ciclistico di una moto.

La prima versione della Multistrada, era equipaggiata con i Pirelli Scorpion Sync, mentre con il nuovo modello - nato nel 2010 - la moto aveva adottato i Trail. Siamo arrivati a quello che - per il momento - è l'ultimo capitolo della crossover in Rosso, e Pirelli ha ovviamente portato i propri Scorpion Trail II.

Si tratta ufficialmente della sintesi tra due mondi opposti, l'incontro tra due strade: i campi da gara off-road, ed il viaggio su strada. Punta forte sull'elevato chilometraggio, la costanza delle prestazioni con un delta di caduta prestazionale estremamente risibile, ed un comportamento sul bagnato di prim'ordine, grazie anche a delle nuove scanalature.

Durante la nostra prova di Lanzarote, il test durò 200 chilometri. Una durata giusta per poter mettere alla prova la moto in quello che in gergo viene definito come 'primo contatto', così come per poter saggiare quindi la bontà di uno pneumatico, ma in talune situazioni ovviamente. Chiaramente non è possibile poter saggiare la bontà di una gomma sulla durata.

Però è indubbio come le prestazioni in assoluto, la velocità di riscaldamento dello pneumatico, e le sensazioni che riesce a trasmettere fin dai primi metri - declinazione essenziale sopratutto per una moto da turismo - considerando le condizioni e le temperature dell'asfalto, possono essere rilevate durante una giornata di prova.

Ecco, in questo, le Scorpion Trail II ci hanno piacevolmente affascinato. Perchè l'isola di Lanzarote, seppur mitigata da un bel sole e temperature comfortevoli durante la giornata, era sovrastata da un vento elevato e da temperature piuttosto basse in prima mattinata, momento in cui abbiamo preso in mano il nostro esemplare di Multistrada.

Pochi metri, e di quella sensazione di legnosità, di poca fiducia all'anteriore da 'gomma fredda' non vi era traccia. Anzi, non vi è mai stata.

Usciti dall'albergo abbiamo 'affrontato' ben tre rotatorie. Capiamo i dubbi di chi sta leggendo "una rotatoria come banco di prova?". Si se la gomma ha compiuto appena 50 metri. La gomma dava un immediato feeling, permettendo subito un primo momento di discesa in piega deciso, preciso sopratutto, senza esitazioni, saldo. Roba non da poco.

Di questa gomma ci è piaciuta la comunicatività, il che fa rima anche - in questo caso - con il concetto di versatilità. La sincronia con la moto e le Skyhook era decisamente buona. Sentivamo tra le mani un anteriore che poggiava bene in fase di piega, con una discesa che accompagnava, morbida, fluida e reattiva.

Più uno pneumatico offre sicurezza nella testa di un pilota, più ovviamente significa che ci troviamo di fronte ad un buon prodotto. Ma come si induce sicurezza? Sostanzialmente con lo stesso principio dell'elettronica: se quasi non ci si accorge dell'intervento, allora significa che sta lavorando bene.

Se non si avverte una resistenza, se non si avverte una 'spigolosità' quando si affronta una curva, ecco, la testa risulta più libera e la guida più fluida. Altresi in appoggio. Momenti fondamentali, sopratutto all'anteriore. La bontà e la versatilità si avvertivano fortemente anche durante la parte di sterrato, dove ancor di più, se l'anteriore bisogna che comunichi stabilità e 'grip' nel vero senso della parola, al posteriore la sensibilità nel pattinamento è tutto. Capire la reazione dello scivolamento della gomma, risulta fondamentale quando le situazioni volute sono di grip precario.

Anche qui, sopratutto qui, dove la mappatura, ha una soglia di intervento inferiore nel controllo della trazione proprio per la natura dell'Enduro, ci è piaciuta la comunicatività nella perdita di aderenza. Un lavoro di sinergia tra la moto, l'elettronica e le gomme che sottolinea il lavoro congiunto nello sviluppo dello pneumatico. Già perchè il nuovo Scorpion Trail II è la summa degli elementi offroad della linea Scorpion, arricchito dall'esperienza maturata da Pirelli con lo sviluppo dell'Angel GT, pneumatico incentrato proprio sul touring di Pirelli. Quest'ultima versione ha ricevuto un nuovo disegno del battistrada e degli intagli, studiati per un miglior drenaggio in caso di pioggia, con una forma a 'binario aperto' nella zona centrale.

Ovviamente parliamo di uno pneumatico bimescola con la fascia centrale il cui obiettivo è quello di garantire un chilometraggio maggiore, mentre la spalla è più indirizzata sulla fase prestazionale.

La volontà da parte di Pirelli è stata quella di creare un'area di contatto più corta, ma al contempo più larga a livello di profilo, per migliorare la trazione, ed avere quindi un miglior controllo.

Noi, come detto, siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla comunicatività di questo tipo di pneumatici, ma anche dalla loro naturalezza e versatilità. Un test nel test per uno pneumatico che a livello di feeling e prestazioni risulta promosso. Per la durata, ci ripromettiamo di metterli alla frusta per qualche centinaio di chilometri in più!

Il nostro primo contatto con le Pirelli Scorpion Trail II? Con il seguente materiale tecnico Dainese

AX-8 DUAL EVO
Un casco estremamente versatile destinato ad un utilizzo tanto stradale quanto off-road. Il design e la linea richiamano inevitabilmente l’AX-8 Evo dal quale è derivato, ma graz

ie a caratteristiche tecniche aggiuntive, come la visiera ed il meccanismo visiera specifico, la presa aria muso apribile ed una ventilazione supplementare apribile sul top, garantisce tutte le prestazioni ed il comfort di un casco da strada. Il sistema di ventilazione integrato IVS si compone di canalizzazioni ricavate direttamente nella calotta che garantiscono un flusso d’aria ottimale all’interno del casco. Gli interni, con trattamento igienizzante e realizzati in Dri-Lex® traspirante, sono completamente removibili e lavabili, incluse le coperture del cinturino. Per la zona visiera vengono utilizzate coperture in plastica morbida che, a differenza dei tessuti, non si impregnano e sono facilmente lavabili. La presa d'aria muso è facilmente removibile senza attrezzi e garantisce un ottimo flusso dell’aria. Il sistema di ritenzione ha la chiusura DD con doppio anello.


ARCHIVIO PELLE

Il borbottio dei cilindri al minimo, le luci che si riflettono sul serbatoio lucido e sulla cromatura degli scarichi, l’odore dell’olio bruciato. Il fascino del mondo degli anni ’60 e’70 è celebrato in questo giubbotto dalla grande personalità e dai dettagli curati, che prende il nome dall’archivio Dainese, dal quale trae ispirazione.
Archivio Pelle è confezionato in pelle bovina tinta in capo per donargli un look vissuto e vintage, che maschera soluzioni tecniche moderne come le protezioni morbide Pro-Shape e la predisposizione per il paraschiena. I richiami alle leggende del motociclismo che lo caratterizzano, rendono questo giubbotto un must buy per tutti gli amanti della storia del motociclismo.

CARBON COVER

Anima racing e aggressività caratterizzano questo guanto corto in pelle bovina, pensato per aggredire l’asfalto in sella alla propria moto godendo di un’ergonomia e protezione di alto livello, grazie agli inserti brevettati Microelastic ed all’ergonomia studiata per la guida sportiva.

Dotato di inserti compositi in fibra di carbonio sulle nocche, sulle dita e costruzione del mignolo rinforzata con inserti in TPU, Carbon Cover ST è la scelta dell’utente sport tourer più esigente. Palmo in pelle di capra, costruzione con un pannello unico di pelle a protezione delle cuciture sul taglio della mano, cinturino antiscalzamento e foratura sul lato interno delle dita completano questo guanto disponibile anche in versione Lady.

PEAK D-DRY

Protettori compositi removibili certificati secondo la norma EN 1621.1/97, Pro-Shape: protettori morbidi certificati secondo la norma EN 1621.1/97 sui fianchi, Tessuto poliammide alta tenacità, Regolazione ampiezza fianchi, Cerniera su fondo gamba, Cerniera aggancio giubbino-pantalone, Protettori ginocchia regolabili in altezza, Temperature adjustment, Membrana di marca D-Dry® impermeabile e traspirante, Tessuto esterno con trattamento idrorepellente, Membrana laminata con tessuto esterno, Fodera termica removibile, Inserti rifrangenti, 2 tasche esterne anteriori

LONG RANGE C2 D-WP

Viaggiare, attraversando valli e monti, città e campagne, fino al mare ed oltre. La moto come mezzo per scoprire il mondo e lasciarsi la quotidianità alle spalle. Long Range è studiato per i moto-turisti attenti a sostanza e qualità.
Dotato di inserti in nylon sui malleoli e inserto in TPU sulla tibia, questo stivale impermeabile in pelle bovina presenta una chiusura laterale con zip e velcro dalla facile apertura. L’ergonomia della tomaia e l’utilizzo di inserti in tessuto elastico facilitano il movimento del piede durante la guida e una volta scesi di sella, per consentire un comfort adeguato anche dopo molte ore di utilizzo.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti