Tu sei qui

SBK, WSS: Cluzel-Zanetti, è doppietta MV

GARA - terzo posto per Gino Rea, dopo un bel duello con Kyle Smith. Gran rimonta per Sofuoglu

La MV Agusta non fa prigionieri a Phillip Island. Pole position per Jules Cluzel, e doppietta targata Schiranna che conferma come la F3 675, nelle mani di Brian Gillen, sia un progetto decisamente vincente.

Uno due con Cluzel in testa praticamente dall'inizio fino alla bandiera a scacchi, e con un Lorenzo Zanetti in grado di rimontare da una partenza infelice, fino a portarsi a ridosso del suo compagno di squadra nelle fasi conclusive. Maneggevolezza, trazione ma anche una velocità di punta che non ha nulla da invidiare alle rivali da quattro cilindri.

Soprende sopratutto la sicurezza con cui Cluzel abbia condotto la gara: 2"Sono contento. Alla fine il mio compagno di squadra spingeva per tornare sotto.

Mi ha fatto fare una gara un pò dura, ma sono contento per MV Agusta perchè abbiamo fatto doppietta. Per me è stato un week-end perfetto: sempre primo nelle sessioni ed in gara. Sono contento si, ma è solo la prima gara". Il francese si conferma re dell'isola di Filippo dopo la vittoria dello scorso anno.

E' mancato lo scontro diretto con Kenan Sofuoglu, uscito dopo un contatto con Kyle Smith alla prima staccata e rientrato in 19esima piazza. Il turco si è poi prodigato in una eccellente rimonta fino alla sesta posizione. Dicevamo però della MV Agusta che piazza sul secondo gradino del podio un eccellente Lorenzo Zanetti, alla prima gara con i colori di Schiranna.

Il bresciano si è mostrato caparbio, deciso ed estremamente veloce, prima a recuperare dalla settima piazza in cui era scivolato nelle prime battute, poi a non farsi invischiare nella lotta per il terzo posto, cercando anzi di insidiare il primato: "il passo è stato molto buono. Peccato non mi sia riuscita bene la partenza. Ma ho recuperato. volevo attaccare Jules ma ho avuto un calo di gomme, ho avuto un'incertezza al tornantino e ho portato a casa il risultato. Per me è una grande emozione correre con una moto italiana. Son troppi anni che un'italiano non vince nel mondiale con Mv Agusta".

Abbiamo parlato di lotta per il terzo posto, ed in effetti, di lotta si è trattata. Estremamente spettacolare, decisa, fatta di derapate e staccate al limite. Protagonisti Mahias - ritiratosi a poche tornate dalla fine - Wilairot, Smith e Rea. Alla fine, la questione è rimasta nelle mani degli ultimi due fin sotto il traguardo, dove a spuntarla è stato Rea. Un risultato inaspettato, considerando come l'inglese abbia subito un intervento di rimozione di un perno al piede solo pochi giorni fa: "Sono un pò sorpreso anche io di questo podio. Martedi ero sotto i ferri ed oggi sono a podio. Sono un pò frustrato perchè all'inizio ho fatto fatica e forse sarei potuto rimanere con le MV Agusta se avessi iniziato meglio la gara".

Detto di Sofuoglu, bisogna rimarcare comunque la prestazione molto buona di diversi italiani. Innanzitutto di Alex Baldolini, settimo nonostante una debilitante influenza con la MV Agusta F3, dopo un duello con Roberto Rolfo e la Honda Lorini. Da rimarcare anche l'undicesima posizione di Christian Gamarino con la Kawasaki del team GoEleven, a precedere Marco Faccani. A punti anche Fabio Menghi, quindicesimo sul traguardo.

 

CRONACA DI GARA

Tutto pronto per il via della prima gara della stagione 2015 del campionato Mondiale Supersport

Partenza valida con CLuzel che viene affiancato subito da Sofuoglu. Il turco si infila in prima posizione, seguito proprio dal francese, ma proprio Cluzel alla tornantino si riporta in testa. Terza piazza per Wilairot che alla Lucky Heights si porta in seconda posizione

- giro 2: Cluzel in testa è braccato da Wilairot con Sofuoglu alle spalle. Leggermente più 'intruppato' nel gruppo Zanetti, settimo, e a rischio collisione alla Honda Corner. I primi due intanto cercano la fuga

- giro 3: Recupera Lorenzo Zanetti alcune posizioni, riuscendo a superare Gino Rea e Kyle Smith. Cluzel intanto davanti cerca di dettare il ritmo e staccarsi da Wilairot. Ancora un rischio per Zanetti che alla Honda Corner fa per la seconda volta una traiettoria molto stretta.

- giro 4: nuovo giro più veloce della gara per Cluzel, il cui riferimento è di 1'34.095. Decisamente aggressivo ancora Lorenzo Zanetti che alla Honda Corner riesce a passare Sofuoglu portandosi in terza piazza. Le MV Agusta hanno una rapportatura un pò lunga per poter sfruttare al meglio le prime marce nel tratto misto non pregiudicando la velocità massima grazie al vento a favore

- giro 5: scatenato Lorenzo Zanetti che alla prima curva tenta l'attacco su Wilairot. L'italiano ritenta l'infilata sia alla curva tre che alla Honda Corner dove riesce a passare. Due MV Agusta al comando. Alla Honda corner grande rischio di Kyle Smith che rischia di prendere Sofuoglu. Al tornante in discesa ancora scintille: Sofuoglu entra deciso e passa Smith e Mahias.

- Giro 6: Lungo di Sofuoglu alla prima staccata dopo una toccata con Smith, e arriva velocissimo sulla via di fuga rimanendo in piedi. Rientra in 19esima piazza: gara compromessa. Nel fratempo Cluzel continua a fare l'andatura anche se il giro più veloce è appannaggio di Zanetti - 1'33.875. Dietro l'italiano è lotta aperta tra Wilairot, Smith, Rea e Mahias. Dietro poi, un trio italiano composto da Rolfo, Baldolini e Russo.

- Giro 7: Le due MV Agusta stanno allungando il passo, distanziandosi dal gruppetto in lotta per il terzo posto. Evidente il tutto anche dai cronologici. Le due tre cilindri sono le uniche ad esser scese sotto il muro dell'1'34. Tra Zanetti e Cluzel ci sono 8 decimi di distacco

- Giro 9: Ancora lotta paerta per il terzo posto con Mahias ora in terza posizione ed in grado di prendere qualche metro di vantaggio su Wilairot, Smith e Rea. Baldolini ora è settimo, davanti a Rolfo e Jacobsen, mentre Riccardo Russo è sceso in 11esima piazza. 14esimo Faccani, con 16esimo e 17esimo Menghi e Gamarino. Sofuoglu rimane in 18esima piazza staccato di due secondi dal duo italiano.

- Giro 10: Due decimi recuperati da Zanetti all'ultimo passaggio, con il distacco che si porta a 7 decimi, ma tra i due compagni di squadra di MV Agusta è un continuo elastico. Mahias rimane terzo

- Giro 11: Grandissimo crono di Zanetti che nell'ultimo passaggio abbassa ancora il record in gara in 1'33.712, mentre Cluzel gira in 1'34.0. Tra i due mezzo secondo di distacco. Cluzel guadagna sempre nel secondo split, ma l'italiano guadagna negli altri tratti in questo momento. Dietro, Mahias si è fatto recuperare e superare da Rea.

- Giro 12: Se Cluzel prova a rispondere, Zanetti fa ancora meglio. 1'33.734 il francese, 1'33.588 l'italiano che sembra il pilota più in forma in pista.

- Giro 13: praticamente stesso tempo dei due. Sono poco meno di tre decimi il distacco tra i due. Zanetti però arriva leggermente lungo alla Honda hairpin, perdendo qualche metro, e riportando il distacco a 8 decimi.

- Giro 14: mancano cinque giri al termine, ma ora tra i due piloti c'è un secondo di distacco. Terza piazza per Rea che continua la sua lotta con Smith e Wilairot. Tre Honda, mentre la Kawasaki di Mahias ha perso parecchio terreno. Smith alla Lucky Heights si infila e si porta in terza posizione. Zanetti intanto sembra essersi accontentato della seconda posizione. Il distacco sale a 1.7 secondi.

- Giro 15: Risale la china intanto Kenan Sofuoglu che è riuscito a riportare la propria Kawasaki in 11esima posizione, superando il trio italiano Russo, Gamarino, Faccani. Scompare dagli schermi Mahias che si ritira.

- Giro 17: Le prime due posizioni oramai sono consolidate, mentre la bagarre è ancora accesa per il podio con Rea davanti a Smith e Wilairot. E' lotta aperta anche per la sesta piazza tra Rolfo e Baldolini. Continua a risalire la china Sofuoglu ora addirittura ottavo, ed autore del giro più veloce in gara in 1'33.4. Si ritira invece Russo

- Giro 18: ultimo giro: Smith attacca Rea alla prima staccata portandosi in testa, mentre sembra oramai fuori dai giochi Wilairot. Smith difende con un grande traverso la terza piazza alla Honda Corner. Al tornantone entrambi arrivano lunghi in un duello estremamente spettacolare, in derapata. In  volata Gino Rea la spunta su Smith. Davanti però è festa grande MV Agusta con Cluzel davanti a Zanetti: doppietta. Grande recupero per Sofuoglu che chiude sesto davanti a Baldolini e Rolfo. Buon 11esima piazza per Gamarino davanti a Faccani. A punti anche Menghi che chiude 15esimo.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti