Tu sei qui

Test: Fabio Quartararo chiude in vetta

Bene Niccolò Antonelli, quarto in classifica. In Moto2 è ancora duello Zarco-Lowes

Che le aspettative su Fabio Quartararo fossero elevate era un qualcosa di assodato, considerando il cambio della regola a cui il motomondiale è andata incontro per far partecipare il  francese al campionato 2015.

Che questi siano test è al contempo assodato, ma che il giovanissimo neo-portacolori del team Estrella Galicia stia mostrando un livello prestazionale estremamente elevato è sotto gli occhi di tutti. Anche in quest'ultimo giorno di prove Quartararo ha chiuso in prima posizione con il riferimento cronometrico di 1'45.580, tredici millesimi meglio di Jorge Martin con la Mahindra ufficiale del team Aspar.

Per il francese, un tempo di oltre mezzo secondo migliore della Pole position di Jack Miller dello scorso anno. Terza piazza per Danny Kent che conferma il proprio stato di forma (+0.384). Uno stato di forma confermato anche da Niccolò Antonelli, anche oggi tra i migliori. L'italiano, il più veloce della nostra pattuglia, chiude il day3 in quarta piazza, con un ritardo di 463 millesimi di secondo dal riferimento di Quartararo.

A seguire, ecco McPhee, Navarro, Hanika ed il nipponico Ono davanti al secondo nostro portacolori, Francesco Bagnaia. Il pilota Mahindra si è mostrato soddisfatto della giornata di prove: "E' stato un test molto positivo, e la gomma morbida ci ha dato i riscontri che speravamo. Sono felice del lavoro fatto. Abbiamo avuto un piccolo problema con il cambio e non sono riuscito a fare un long-run come ci eravamo prefissati. Sono comunque soddisfatto. E' un progetto giovane, necessitiamo di esperienza, ma stiamo lavorando per questo".

Dodicesima piazza per Enea Bastianini che si mostra positivo ed ottimista dopo questi tre giorni di prove: "Siamo riusciti a compiere una buona mole di lavoro in questi tre giorni: alcune soluzioni non si sono rivelate valide, ma abbiamo comunque raccolto informazioni utili. L’ultimo turno odierno inoltre è stato positivo: sono riuscito ad essere veloce lavorando sul passo gara e il mio miglior tempo, 1’46”700, l’ho ottenuto senza montare le gomme più morbide. In più ho commesso qualche errorino. In sostanza, so che avrei potuto ottenere una prestazione migliore, quindi il distacco dai primi non mi preoccupa".

Quattordicesima posizione per Romano Fenati con la KTM del team VR-46 che chiude con il tempo di 1'46.742 a +1.162 dalla vetta dopo i problemi di ieri. 18esima piazza per Alessandro Tonucci (+1.511), 21esima per Andrea Locatelli (+1.591), 25esimo Stefano Manzi (+1.749) davanti ad Andrea Migno (+1.850), 30esimo Matteo Ferrari.

MOTO 2 - Continua il duello invernale tra Francia e Inghilterra nella classe di mezzo. Se ieri il migliore era stato Sam Lowes, oggi il più veloce è stato Joann Zarco.

Un duello sul filo quello tra i due, con il francese del team Ajo Motorsport, in sella alla Kalex 2014, che ferma il crono in 1'42.121, appena 44 millesimi di secondo meglio di Sam Lowes con la SpeedUp, riferimento ottenuto in mattinata. Terzo il campione del mondo in carica Tito Rabat a 271 millesimi , davanti ad Axel Pons e Sandro Cortese.

Il migliore dei nostri portacolori è Lorenzo Baldassarri che chiude la giornata in ottava posizione a 759 millesimi di secondo dalla vetta con la Kalex del team Forward, mostrando un certa soddisfazione a fine giornata: "Sono davvero molto soddisfatto di questa tre giorni di test. Abbiamo lavorato molto e bene e abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di avvicinare i primi. Non vedo l’ora di tornare di nuovo in pista, c’è ancora molto margine di miglioramento, soprattutto Sul posteriore e in ingresso in curva. Sono fiducioso in vista della prima gara in Qatar e della stagione".

Quindicesima piazza per Franco Morbidelli a +1.130 davanti ad Alex Marquez e a Simone Corsi. Il romano ha chiuso la giornata con cauto ottimismo, anche per le proprie condizioni fisiche: "Nel complesso sono abbastanza soddisfatto di questa tre giorni di test. Finalmente il meteo è stata dalla nostra parte e siamo riusciti a fare molti giri e a provare diverse opzioni. Il feeling sta migliorando, fisicamente non ho avuto problemi e sono ansioso di tornare di nuovo in pista per continuare il lavoro in vista della prossima stagione".


Articoli che potrebbero interessarti