Tu sei qui

MotoGP, A Sepang una Aprilia a due velocità

Melandri: "Non avevo grip". Bautista: "telaio troppo rigido ma sono soddisfatto"

E' stata una giornata in chiaroscuro, la prima di Aprilia a Sepang.

Se da un lato infatti Alvaro Bautista ha fatto segnare un ottimo 15° tempo con la vecchia RS-GP in configurazione 2014 (e ancora con la centralina Aprilia APX), dall'altro Marco Melandri si è trovato sul fondo dello schieramento. Il ravennate, infatti, dopo aver scartato subito il prototipo 2015 (appena due giri!)non ha poi trovato la confidenza necessaria per spingere nemmeno con la moto vecchia.

"Mai avuto così poco grip - ha spiegato - al posteriore ce ne era pochissimo, ma anche all'anteriore. Non riuscivo a fare le mie linee e nemmeno a guidare. In pratica passeggiavo in giro per la pista".

Il problema, secondo Melandri, non è stato determinato dalle gomme Bridgestone.

"Quando ho lasciato la MotoGP la posteriore era addirittura pericolosa, ma oggi vanno bene. Il fatto è che ci aspettavamo un passo avanti dal prototipo 2015 che invece non ha raggiunto l'obiettivo. Lo ho scartato subito e lo stesso ha fatto Bautista. L'elettronica, con la nuova centralina Marelli è ancora molto acerba, per cui poi ho proseguito a girare con la moto vecchia e centralina APX".

Marco ha concluso col 26° tempo, appena un decimo più veloce della vecchia Art-Aprilia ex Petrucci, oggi nelle mani di Alex De Angelis.

Decisamente più soddisfatto Alvaro Bautista.

"Sono contento del lavoro fatto in questa prima giornata - ha detto lo spagnolo - al mattino ho provato la moto già utilizzata alla fine del 2014 a Valencia e a Jerez, con il motore a valvole pneumatiche. Mi sono subito trovato a mio agio in sella e ho riscontrato buone sensazioni e un buon feeling, nonostante i due mesi di stop. Abbiamo lavorato principalmente sull’elettronica per rendere il motore più facile da guidare, trovando delle buone soluzioni. Su questo fronte credo che sia stato fatto un ottimo lavoro. Nel pomeriggio ho poi provato la nuova moto, trovando però il telaio troppo rigido: ci siamo perciò concentrati per migliorarne il comportamento. Domani continueremo a lavorarci, proseguendo anche a fare confronti con la moto 2014 per portare avanti lo sviluppo".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti