Tu sei qui

SBK, Guintoli: dolorante, ma sarò in Australia

Ulteriori accertamenti hanno escluso fratture. Il francese in terapia in camera iperbarica

La campagna di difesa del suo primo titolo mondiale è cominciata in salita per Sylvain Guintoli, vittima di una violenta caduta alla prima curva durante i test della Superbike a Jerez. Il francese ha poi optato per tornare subito in Inghilterra per sottoporsi ad ulteriori accertamenti (che hanno escluso fratture) ed accelerare per quanto possibile un percorso di terapia a due settimane dall’inizio delle prove a Phillip Island.

“La schiena mi fa ancora male – ha dichiarato Guintoli, che ha cominciato un ciclo di camera iperbaricaMa posso caricare un po’ la caviglia e sono sollevato che non ci siano fratture. Ho cominciato la terapia, ci vorrà un po’ di tempo ma sono fiducioso sulle mie possibilità di presentarmi in Australia in condizioni idonee a gareggiare”.

Il tempo perso a Jerez, tuttavia, potrebbe rivelarsi molto prezioso dal momento che il transalpino ha effettuato solo una manciata di giorni di prove sulla sua nuova moto.

“È frustrante – ha aggiunto – Soprattutto perché le condizioni meteo erano ottime. Ma ci sono i due giorni di prove in Australia, e ho già avuto modo di constatare il lavoro fatto sulla CBR durante la pausa invernale. Attendo con ansia la prima gara”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti