Tu sei qui

La Vyrus 986 M2 nel CEV con Bradley Ray

La splendida realizzazione di Rodorigo Ascanio ai blocchi di partenza della stagione 2015 nella Moto2 continentale

La factory riminese Vyrus ha ufficializzato il suo impegno per la stagione 2015 nella rassegna europea della Moto2. A portare in gara l'innovativa moto realizzata dal tecnico Rodorigo Ascanio, sarà il 17-enne Bradley Ray proveniente dalla Red Bull Rokies Cup, dove ha corso sino alla scorsa stagione ottenendo il 4° posto assoluto, con la seconda piazza al Sachsenring come miglior risultato in gara.

Un giovane interessante "The Bard" Ray, e sulle cui doti Stefano Caracchi, team principal della squadra, ripone molte speranze.

Un progetto senza dubbio stimolante quello degli uomini Vyrus, a cui spettarà il compito di far crescere una moto che dal punto di vista tecnico ha sempre catalizzato su di sè molte attenzioni.

Il regolamento Moto2, con motore unico, ma schema ciclistico libero, sembra ritagliato apposta per mettere alla prova le doti di ciclistica a forcellone anteriore e telaio ad "omega" della 986 M2. Uno schema che risale alla fine degli anni '80, frutto delle intuizioni dell'Ing.Marconi, che allora le applicò sulla sua Bimota Tesi 1D.

Il progetto Vyrus CEV Moto2 è già partito la scorsa settimana, con una serie di test sul "Ricardo Tormo" di Valencia, a cui seguirà un'altra sessione di prove a Cartagena, dal 20 al 23 febbraio, prima dell'inizio dei giochi del CEV con la prima tappa sulla pista di Portimao il 26 Aprile.





Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti