Tu sei qui

MotoGP, Suzuki cerca più potenza e affidabilità

A dichiararlo è Aleix Espargarò che sta recuperando dall'infortunio ai legamenti

Suzuki cerca più potenza e affidabilità

C’è molta attesa per il rientro della Suzuki in MotoGP. La Casa di Hamamtsu si è preparata con più di un anno di test sulla piste di tutto il mondo e a Valencia, lo scorso novembre, i due piloti ufficiali Aleix Espargarò e Maverick Viñales hanno potuto provare per la prima volta la moto e dare le loro indicazioni agli ingegneri.

Il lavoro è continuato in inverno: “sappiamo bene quali sono i nostri problemi e la direzione verso cui andare – ha dichiarato a motogp.com Aleix, che con il fratello Pol ha partecipato a una gara in auto sulla neve ad Andorra - So che il mese scorso hanno lavorato tanto in Giappone, a Hamamatsu, soprattutto per migliorare il motore e riuscire ad avere più potenza e più affidabilità. Avremo un paio di novità interessanti che proveremo in Malesia. Honda, Yamaha e Ducati sono più avanti di noi, ma ce la metteremo tutta per sviluppare al meglio la moto”.

Lo spagnolo si sta anche riprendendo dall’infortunio ai legamenti del ginocchio sinistro sofferto a fine anno allenandosi col dirt-track.

Non sono ancora al meglio della forma – ha ammesso - ma ho ripreso ad allenarmi già 10 giorni fa. Sarò al limite delle mie condizioni fisiche nel primo test di Sepang, ma cercherò di migliorare e presentarmi in perfetta forma alla prima gara della stagione in Qatar. Sappiamo bene che abbiamo molto lavoro da fare, quindi devo mettercela tutta per esser pronto già durante i primi test”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti