Tu sei qui

SBK, Max Biaggi torna in sella con Aprilia

Quattro giorni di test per il romano  a Portimão e Jerez. E fra poco la firma anche con Mediaset

Nonostante il ritiro dalle competizioni, Max Biaggi si sente ancora pilota. Lo ha dimostrato in più occasioni, sia allenandosi duramente in motard che macinando chilometri in sella alla ART in veste ufficiosa di collaudatore. Ecco, è proprio in questo ruolo che il Corsaro affiancherà nuovamente in pista i suoi vecchi rivali.

Da domani, il romano girerà a Portimão con la nuova RSV4 R affidata a Leon Haslam e Jordi Torres (in pista anche Ducati, MV Agusta, BMW, Suzuki, EBR), per poi ripetere l’esperimento a Jerez all’inizio della prossima settimana. Lo ha svelato lui stesso sul proprio profilo Twitter. L’obiettivo: valutare il motore in configurazione 2015 (con bielle e pistoni di serie) e la nuova elettronica con price-cap. In altre parole, il ritorno del Corsaro (del quale avevamo parlato in più occasioni) è ora realtà. O almeno, nel futuro prossimo.

Già, perché Biaggi ha più volte evidenziato una certa resistenza ad impegnarsi in progetti a lungo termine. Però il richiamo della pista echeggia forte nelle sue orecchie. Le possibilità sono molteplici. Biaggi potrebbe diventare di fatto il primo collaudatore Aprilia (Hofmann è passato a KTM), oppure coprire un ruolo ibrido da stratega e pilota per garantire continuità al progetto SBK, o magari partecipare solo occasionalmente a qualche prova (come è accaduto nel 2014) per poi continuare il suo lavoro ai microfoni.

In proposito a giorni è attesa un'altra firma: quella che legherà Max Biaggi a Mediaset anche per il 2015.
Il commento tecnico del Corsaro, infatti, è stato apprezzato moltissimo, sia dagli addetti ai lavori che dal pubblico.
Scontato il dispiacere per la separazione della coppia Biaggi-Meda, ormai affiatata, Max ritroverà in cabina un vecchio amico, Giulio Rangheri.
Ex pilota lui stesso. Il simpatico e competente "Ringhio" farà parte di una grande squadra della quale faranno parte anche Alberto Porta, Anna Capella, Ronny Mengo, Max Temporali.

E non è escluso, per pari opportunità, che il romano non si faccia mancare anche un paio di apparizioni nello studio di Sky, visto che l'anno passato è venuto a diverse gare di MotoGP.

In somma a 43 anni il Corsaro è ancora all'arrembaggio. In attesa di scoprire cosa farà da grande.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti