Tu sei qui

SBK, l'elettronica 2015 può attendere

Le Case potranno correre in Australia e Tailandia con il pacchetto 2014 per motivi di sicurezza

In attesa di divulgare il testo del regolamento 2015 – le maggiori novità le trovate QUI – la Superbike Commission ha diffuso un comunicato con un paio di postille.

Primo, le cosiddette “balancing rules” che in passato hanno visto, per esempio, l’imposizione di air restrictors alla Ducati 1198, verranno modificate ulteriormente a scopo di semplificarne la comprensione: dal 2014, infatti, questi principi di compensazione potevano essere applicati a cavallo tra due stagioni.

Inoltre, la SBK Commission prenderà in considerazione richieste da parte dei singoli costruttori per utilizzare il sistema elettronico 2014 così com’è nelle prime due gare della stagione (Australia e Tailandia). Questo per minimizzare i rischi di utilizzo del nuovo pacchetto calmierato da 8mila euro in una fase nella quale i chilometri percorsi sono ancora pochi. Se una Casa volesse approfittare di questa concessione, tuttavia, dovrebbe rendere disponibile il pacchetto 2014 a tutti i team clienti.

Infine è stata presa in considerazione la possibilità di creare una classe cadetta basata sul mercato delle supersportive di piccola cilindrata (300cc). In caso di successo, questo campionato verrebbe sviluppato su piattaforme nazionali per poi essere affiancato al circus mondiale in determinati eventi.

Il testo completo del regolamento 2015 sarà diffuso a breve. Meno male, ci viene da dire, visto che tra due mesi inizia il campionato…

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti